ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Tromboembolismo venoso ricorrente nei pazienti con embolia polmonare e disfunzione ventricolare destra


Nei pazienti con embolia polmonare, la disfunzione ventricolare destra è associata a mortalità precoce.

Lo studio Hokusai-VTE ha utilizzato il frammento N-terminale del pro-peptide natriuretico cerebrale ( NT-proBNP ) e il rapporto del diametro del ventricolo destro-sinistro alla tomografia computerizzata ( CT ) come indicatori di disfunzione ventricolare destra e ha rilevato che i tassi di tromboembolismo venoso ricorrente erano inferiori con Edoxaban ( Lixiana ) rispetto a Warfarin ( Coumadin ).

Uno studio ha esaminato ulteriormente il significato di disfunzione ventricolare destra e ha indagato le potenziali spiegazioni per la superiorità di Edoxaban, cioè le differenze nelle caratteristiche cliniche basali, la durata del trattamento iniziale con Eparina, i tassi di sanguinamento, o la qualità del trattamento con Warfarin.

Lo studio Hokusai-VTE era uno studio in doppio cieco, di non-inferiorità, randomizzato, in pazienti da 37 Paesi che hanno confrontato Edoxaban con Warfarin nel trattamento del tromboembolismo venoso acuto.
I pazienti hanno ricevuto il trattamento per almeno 3 mesi fino a un massimo di 12 mesi.
I pazienti sono stati seguiti per 12 mesi.
I dati di esito a 12 mesi sono stati raccolti per tutti i pazienti, indipendentemente dalla durata del trattamento.

L’analisi dei sottogruppi prespecificati si è concentrata sui pazienti inclusi con embolia polmonare.

L'esito primario di efficacia era l'incidenza del tromboembolismo venoso recidivante sintomatico definito come un composito di trombosi venosa profonda o embolia polmonare non-fatale o fatale a 12 mesi.

I tassi di recidiva con Edoxaban e Warfarin sono stati confrontati nei pazienti con e senza disfunzione ventricolare destra.

In quelli con concentrazioni di NT-proBNP di 500 pg/ml o valore superiore sono state confrontate le caratteristiche di base, la durata del trattamento con Eparina, e il sanguinamento tale da portare alla sospensione del farmaco nei gruppi Edoxaban e Warfarin.
È stata anche valutata la qualità del trattamento con Warfarin.

Tra il 2010 e il 2012, sono stati arruolati 8.292 pazienti da 439 Centri, dei quali 8.240 hanno ricevuto almeno una dose del farmaco in studio.
3.319 pazienti avevano embolia polmonare.
NT-proBNP era 500 pg/ml o superiore in 465 ( 30% ) dei 1.565 pazienti trattati con Edoxaban e in 507 ( 32% ) dei 1.599 pazienti trattati con Warfarin.

Il tromboembolismo venoso ricorrente si è verificato in 14 ( 3% ) su 465 pazienti nel gruppo Edoxaban e 30 ( 6% ) su 507 nel gruppo Warfarin ( hazard ratio, HR=0.50, P=0.033 ).

Il rapporto del diametro del ventricolo destro-sinistro era 0.9 o superiore in 414 ( 44% ) dei 937 pazienti nel gruppo Edoxaban e in 427 ( 45% ) dei 946 nel gruppo Warfarin.

Il tromboembolismo venoso ricorrente si è verificato in 11 ( 3% ) su 414 e in 20 ( 5% ) su 427 pazienti nei gruppi Edoxaban e Warfarin ( HR=0.57, P=0.13 ).

Le caratteristiche di base, la durata del trattamento con Eparina, e i tassi di sanguinamento associati a sospensione del farmaco erano simili nei gruppi Edoxaban e Warfarin, e la qualità della gestione con Warfarin era adeguata per i pazienti con concentrazione di NT-proBNP di 500 pg/ml o superiore.

I risultati della analisi suggeriscono che Edoxaban sia più efficace di Warfarin nel trattamento e nella prevenzione del tromboembolismo venoso ricorrente nei pazienti con embolia polmonare ed evidenza di disfunzione ventricolare destra. ( Xagena2016 )

Brekelmans MPA et al, Lancet Haematology 2016; 3: e437-e445

Emo2016 Cardio2016 Pneumo2016 Farma2016


Indietro