ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

SAR650984 promettente nel mieloma multiplo refrattario o recidivante


Oltre il 60% dei pazienti pretrattati con mieloma multiplo recidivato o refrattario ha risposto al trattamento con l’anticorpo monoclonale SAR650984 più Lenalidomide e Desametasone.

Ricercatori hanno cercato di determinare se l'aggiunta di SAR650984, un anticorpo monoclonale lgG1 umanizzato che ha come bersaglio un unico epitopo sul recettore CD38, a Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ( Decadron ), fosse in grado di migliorare gli esiti in 31 pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.

I pazienti erano stati diagnosticati da 4 anni ( valori mediani ) e, in precedenza, erano stati sottoposti a 7 regimi terapeutici ( valori mediani ).
Più del 94% della popolazione aveva ricevuto, in precedenza, un farmaco immunomodulatore ( Lenalidomide, n=29; Pomalidomide [ Pomalyst ], n=9 ); di questi l’84% è andato incontro a una recidiva o erano refrattari ad almeno un farmaco.
Più del 90% della popolazione aveva già ricevuto Bortezomib ( Velcade ) e il 48% aveva ricevuto Carfilzomib ( Kyprolis ).

Coorti di 3-6 pazienti sono state trattate con dosi crescenti di SAR650984 per via endovenosa ( 3, 5 o 10 mg/kg ) ogni 2 settimane, assieme a 25 mg di Lenalidomide nei giorni 1 fino a 21 e 40 mg di Desametasone nei giorni 1, 8, 15 e 22 dei cicli prescritti di 28 giorni.
Diciotto ulteriori pazienti hanno ricevuto il più alto dosaggio di 10 mg/kg.

Il periodo di follow-up è stato di 9 mesi. I pazienti sono stati trattati per una mediana di 26.4 settimane.

Il tasso di risposta globale per tutti i pazienti trattati ( n=31 ) è stato del 58%, e ha compreso 2 risposte complete, 8 risposte parziali molto buone e 10 risposte parziali.
Il tasso di beneficio clinico è stato del 65%.

Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 4.2 settimane e il tempo mediano alla risposta migliore è stato di 8.5 settimane.
Le risposte dei pazienti sono durate per 23.1 settimane ( valore mediano ).
La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 6.2 mesi per tutti i pazienti e 5.8 mesi per i pazienti che hanno ricevuto tre o più linee di terapia in precedenza.

I 24 pazienti che hanno ricevuto la dose di 10 mg/kg hanno dimostrato un tasso di risposta globale del 63% e un tasso di beneficio clinico del 67%.

Circa la metà dei pazienti refrattari a precedenti farmaci immunomodulatori ha risposto al regime a base di SAR650984.
I tassi di risposta hanno incluso il 44% dei pazienti che erano risultati refrattari a Bortezomib e il 40% dei pazienti che aveva mostrato refrattarietà a Carfilzomib.

Sei pazienti sono morti; di questi 5 sono morti a causa di progressione della malattia.

Tre pazienti hanno interrotto il trattamento a causa di un evento avverso.

Gli eventi avversi più comuni correlati al trattamento sono stati affaticamento ( 45.1% ), diarrea ( 42% ), nausea ( 38.7% ), infezione del tratto respiratorio superiore ( 35.7% ) spasmi muscolari ( 32.3% ), piressia ( 32.3% ) e insonnia ( 32% ).
Dodici pazienti ( 38.7% ) hanno sperimentato una reazione associata all’infusione ( due erano di grado 3 e sospensione del trattamento ). ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2014

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro