Roche
ELN 2018
Janssen Oncology
Ematobase.it

Rivaroxaban rispetto agli anticoagulanti standard per il trattamento della tromboembolia venosa acuta nei bambini


Il trattamento del tromboembolismo venoso nei bambini si basa sui dati ottenuti negli adulti con scarsa documentazione diretta della sua efficacia e sicurezza nei bambini.
Sono state confrontate l'efficacia e la sicurezza di Rivaroxaban ( Xarelto ) rispetto agli anticoagulanti standard nei bambini con tromboembolismo venoso.

In uno studio multicentrico, a gruppi paralleli, in aperto, randomizzato, i bambini ( di età compresa tra 0 e 17 anni ) che frequentavano 107 ospedali pediatrici in 28 Paesi con tromboembolia venosa acuta documentata che avevano iniziato l'eparinizzazione sono stati assegnati a Rivaroxaban aggiustato per peso corporeo ( compresse o sospensione ) in una dose equivalente di 20 mg o ad anticoagulanti standard ( Eparina o passaggio ad antagonista della vitamina K ).

La randomizzazione è stata stratificata per età e sito di tromboembolia venosa. Il periodo di trattamento principale è stato di 3 mesi ( 1 mese nei bambini di età inferiore ai 2 anni con tromboembolia venosa correlata al catetere ).

L'esito primario di efficacia, la tromboembolia venosa ricorrente sintomatica, e il principale esito di sicurezza, il sanguinamento maggiore o clinicamente rilevante non-maggiore valutato nei partecipanti che hanno ricevuto una dose o più, sono stati valutati da medici non-a-conoscenza dell'assegnazione del trattamento.

La ripetizione dell'imaging è stata ottenuta alla fine del periodo di trattamento principale e confrontata con i test di imaging di base.

Dal 2014 al 2018 sono stati arruolati 500 ( 96% ) dei 520 bambini selezionati per l'ammissibilità.

Dopo un follow-up mediano di 91 giorni nei bambini che hanno avuto un periodo di trattamento in studio di 3 mesi ( n=463 ) e 31 giorni nei bambini che hanno avuto un periodo di trattamento in studio di 1 mese ( n=37 ), la tromboembolia venosa ricorrente sintomatica si è verificata in 4 ( 1% ) su 335 bambini trattati con Rivaroxaban e in 5 ( 3% ) su 165 trattati con anticoagulanti standard ( hazard ratio, HR=0.40 ).

La ripetizione dell'imaging ha mostrato un effetto migliore di Rivaroxaban sul carico trombotico rispetto agli anticoagulanti standard ( P=0.012 ).

Un sanguinamento maggiore o clinicamente rilevante non-maggiore nei partecipanti che hanno ricevuto una dose o più si è verificato in 10 ( 3% ) su 329 bambini ( tutti non-maggiore ) trattati con Rivaroxaban e in 3 ( 2% ) su 162 bambini ( 2 maggiore e 1 non-maggiore ) trattati con anticoagulanti standard ( HR=1.58 ).

Le stime di efficacia e sicurezza assolute e relative di Rivaroxaban rispetto alle stime anticoagulanti standard erano simili a quelle degli studi su Rivaroxaban negli adulti.
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Nei bambini con tromboembolia venosa acuta, il trattamento con Rivaroxaban ha comportato un rischio di recidiva altrettanto basso e un ridotto carico trombotico senza aumento del sanguinamento, rispetto agli anticoagulanti standard. ( Xagena2020 )

Male C et al, Lancet Haematology 2020; 7: 18-27

Pedia2020 Emo2020 Farma2020


Indietro