ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Proteina Fc di fusione ricombinante del fattore IX nella emofilia B


La sostituzione profilattica del fattore in pazienti con emofilia B migliora gli esiti ma richiede iniezioni frequenti.

Una proteina Fc di fusione ricombinante del fattore IX ( rFIXFc ) con una emivita prolungata è stata sviluppata per ridurre la frequenza delle iniezioni richieste.

È stato condotto uno studio di fase 3, non-randomizzato e in aperto su sicurezza, efficacia e farmacocinetica di rFIXFc per la prevenzione e il trattamento del sanguinamento e della omeostasi peri-operatoria in 123 pazienti maschi precedentemente trattati.

Tutti i partecipanti avevano un’età uguale o superiore a 12 anni e grave emofilia B ( livello di fattore IX endogeno uguale o inferiore a 2 UI per decilitro, o minore o uguale al 2% dei livelli normali ).

Lo studio includeva 4 gruppi di trattamento: il gruppo 1 ha ricevuto una profilassi settimanale con aggiustamento della dose ( 50 UI di rFIXFc per chilogrammo di peso corporeo all’inizio ), il gruppo 2 ha ricevuto profilassi con aggiustamenti dell’intervallo ( 100 UI per chilogrammo ogni 10 giorni dall’inizio ), il gruppo 3 ha ricevuto trattamento al bisogno per episodi di sanguinamento ( da 20 a 100 UI per chilogrammo ) e il gruppo 4 ha ricevuto il trattamento nel periodo peri-operatorio.

Un sottogruppo del gruppo 1 è stato sottoposto a valutazioni farmacocinetiche comparative sequenziali del fattore IX ricombinante e rFIXFc.

L’endpoint primario di efficacia era il tasso annualizzato di sanguinamento, e gli endpoint di sicurezza includevano lo sviluppo di inibitori ed eventi avversi.

Rispetto al fattore IX ricombinante, rFIXFc ha mostrato un’emivita di eliminazione terminale prolungata ( 82.1 ore ) ( P inferiore a 0.001 ).

I tassi mediani annualizzati di sanguinamento nei gruppi 1, 2 e 3 sono stati, rispettivamente, pari a 3.0, 1.4 e 17.7.

Nel gruppo 2, il 53.8% dei partecipanti aveva intervalli di dosaggio uguali o superiori a 14 giorni durante gli ultimi 3 mesi dello studio.

Nei gruppi 1, 2 e 3, il 90.4% degli episodi di sanguinamento si è risolto dopo 1 iniezione.

L’emostasi è stata classificata come eccellente o buona durante tutti gli interventi di chirurgia maggiore.

Non sono stati rilevati inibitori nei partecipanti trattati con rFIXFc; nei gruppi 1, 2 e 3, il 73.9% dei partecipanti ha avuto almeno 1 evento avverso ed eventi avversi gravi si sono presentati nel 10.9% dei partecipanti.

Questi eventi sono risultati nella maggior parte dei casi in linea con quelli attesi nella popolazione generale di pazienti con emofilia.

In conclusione, la profilassi con rFIXFc, somministrato ogni 1-2 settimane, ha portato a bassi tassi annualizzati di sanguinamento in pazienti con emofilia B. ( Xagena2013 )

Powell JS et al, N Engl J Med 2013; 369: 2313-2323

Emo2013 MalRar2013 Farma2013


Indietro