Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen

Polatuzumab vedotin nei pazienti con linfoma a grandi cellule B dopo terapia con cellule CAR-T


Polatuzumab vedotin ( Polivy ) è un coniugato anticorpo-farmaco contro CD79b approvato per i pazienti con linfoma a grandi cellule B ( LBCL ) recidivante / refrattario.
I pazienti che hanno avuto una recidiva dopo la terapia con cellule T del recettore chimerico dell'antigene ( CAR ) non sono stati inclusi nello studio di registrazione e le segnalazioni sull'uso di Polatuzumab vedotin dopo la terapia CAR-T sono limitate.

Una analisi retrospettiva multicentrica ha incluso pazienti con LBCL che hanno avuto una recidiva o una progressione dopo terapia con cellule CAR-T e successivamente hanno ricevuto Polatuzumab vedotin con o senza Rituximab e Bendamustina tra luglio 2019 e maggio 2021.

La risposta al trattamento e la progressione sono state valutate sulla base dei criteri di Lugano del 2014.
57 pazienti sono stati inclusi nello studio: 18 pazienti ( 32% ) erano refrattari primari alla terapia con cellule CAR-T e 34 pazienti ( 60% ) hanno ricevuto una terapia a base di Polatuzumab vedotin immediatamente dopo la terapia con cellule CAR-T.

Polatuzumab vedotin è stato combinato con Rituximab in 54 pazienti ( 95% ) e somministrato con Bendamustina in 35 pazienti ( 61% ).
È stata ottenuta una risposta in 25 pazienti ( 44% ), inclusa la remissione completa in 8 ( 14% ).
Non è stata osservata alcuna associazione significativa tra le caratteristiche di base e la risposta.

Dopo un follow-up mediano di 47 settimane, 46 pazienti ( 81% ) hanno manifestato progressione della malattia o sono deceduti e la sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 10 settimane.

Su un'analisi multivariata, il coinvolgimento del midollo osseo ( hazard ratio, HR=5.2; P=0.003 ) e gli elevati livelli di lattato deidrogenasi ( HR=5.0; P=0.01 ) sono stati associati a una sopravvivenza libera da progressione più breve.
Sono necessari studi volti a caratterizzare meglio il meccanismo intrinseco della resistenza e identificare strategie di consolidamento ottimali per questi pazienti. ( Xagena2022 )

Gouni S et al, Blood Adv 2022; 6: 2757-2762

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro