ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Pembrolizumab mostra attività nel linfoma di Hodgkin classico non-responder a una precedente terapia


Il trattamento immunoterapico con Pembrolizumab ( Keytruda ) è risultato associato a un tasso di beneficio clinico dell’86% in una coorte di pazienti con linfoma di Hodgkin che avevano fallito una precedente terapia.

Il linfoma di Hodgkin classico può rappresentare un bersaglio particolarmente vulnerabile per la terapia anti-PD-1.
Pembrolizumab ha un'alta affinità per il recettore PD-1, con un blocco duplice del ligando di PD-L1 e PD-L2.

Lo studio multicentrico, in aperto, di fase 1b, ha riguardato 29 pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivato o refrattario, con ricaduta o mancata risposta alla terapia a base di Brentuximab Vedotin ( Adcetris ).

Nel 67% della popolazione in studio non era riuscito il trapianto di cellule staminali autologhe.

I principali criteri di esclusione includevano pazienti con malattie autoimmuni o malattia polmonare interstiziale.

Pembrolizumab 10 mg/kg è stato somministrato per via endovenosa ogni 2 settimane fino a progressione tumorale, eccessiva tossicità, o completamento di 2 anni di terapia.

L’endpoint primario era rappresentato da sicurezza, tollerabilità e remissione completa.

I risultati hanno indicato un tasso di risposta completa del 21% e un tasso di risposta globale del 66%.
Il tasso di beneficio clinico è stato pari all’86%.
Quasi tutti i pazienti hanno mostrato una certa evidenza di riduzione del tumore.

La durata mediana della risposta non è stata raggiunta.

Un certo numero di pazienti ha presentato stabilizzazione della malattia.

Gli eventi avversi di grado 3 sono stati: dolore ascellare, ipossia, gonfiore alle articolazioni e polmonite. Non sono stati riscontrati eventi avversi di grado 4 correlati al trattamento. ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2014

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro