ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Obinutuzumab in monoterapia nel linfoma diffuso a grandi cellule B o nel linfoma a cellule del mantello recidivato / refrattario


Obinutuzumab ( GA101; Gazyva ), un anticorpo monoclonale umanizzato anti-CD20, di tipo II e glicoingegnerizzato, è risultato superiore a Rituximab ( MabThera ) in modelli di xenotrapianto di linfoma diffuso a grandi cellule B e di linfoma a cellule del mantello.

Nella fase I dello studio, Obinutuzumab ha mostrato attività incoraggiante ma non una relazione chiara dose-risposta, e pochi pazienti avevano istologie aggressive.

Efficacia e sicurezza di due dosi di Obinutuzumab sono state valutate in uno studio randomizzato di fase II condotto su pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B e linfoma a cellule del mantello pesantemente trattati.

I pazienti sono stati assegnati in maniera casuale a ricevere 8 cicli di Obinutuzumab alla dose fissa di 400 mg per tutte le infusioni ( giorni 1 e 8 del ciclo 1; giorno 1 dei cicli da 2 a 8 ) o 1600 mg nei giorni 1 e 8 del ciclo 1 e 800 mg nel giorno 1 dei cicli da 2 a 8.

Sono stati arruolati 40 pazienti: 21 nel braccio di trattamento 400/400 mg ( linfoma diffuso a grandi cellule B, n=10; linfoma a cellule del mantello, n=11 ) e 19 nel braccio 1600/800 mg ( linfoma diffuso a grandi cellule B, n=15; linfoma a cellule del mantello, n=4 ).

La risposta di fine trattamento è stata pari al 28% ( 32% e 24% nei bracci 1600/800-mg e 400/400-mg, rispettivamente ).

I migliori tassi di risposta generale sono stati 37% nel braccio 1600/800-mg e 24% nel braccio 400/400-mg ( linfoma diffuso a grandi cellule B, 8 [ 32% ] su 25 pazienti; linfoma a cellule del mantello, 4 [ 27% ] su 15 pazienti ).

Cinque ( 20% ) dei 25 pazienti refrattari a Rituximab hanno mostrato risposta al trattamento, inclusi 4 su 12 nel gruppo 1600/800-mg.

Gli eventi avversi più comuni sono state le reazioni correlate all’infusione, che sono risultate gestibili.
In 3 pazienti le reazioni associate alla infusione sono state di grado 3/4.
Neutropenia di grado 3/4 è stata osservata solo in 1 paziente.

In conclusione, lo schema di trattamento Obinutuzumab 1600/800 mg ha raggiunto velocemente concentrazioni stabili e attività clinica con un accettabile profilo di sicurezza nel linfoma diffuso a grandi cellule B e nel linfoma a cellule del mantello recidivato / refrattario. ( Xagena2013 )

Morschhauser FA et al, J Clin Oncol 2013; 31: 2912-2919

Onco2013 Emo2013 Farma2013


Indietro