Janssen Oncology
Roche
ELN 2018
Ematobase.it

Linfoma mantellare BTK-refrattario: la terapia CAR-T KTE-X19 aumenta la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale


Dai risultati di uno studio di fase 2 è emerso un aumento della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) del 61% e una sopravvivenza globale ( OS ) dell'83%, a una mediana di 12 mesi dopo trattamento con la terapia CAR-T KTE-X19, nei pazienti con linfoma a cellule del mantello con malattia refrattaria alla terapia di inibizione della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ).

Nello studio di fase 2, ZUMA-2, a 74 adulti con linfoma mantellare recidivante o refrattario stata somministrata una infusione di KTE-X19.

La maggior parte dei pazienti era stata trattata con almeno 3 e fino a 5 precedenti terapie, e tutti erano stati trattati con un inibitore di BTK, Ibrutinib o Acalabrutinib.
L'88% dei pazienti non era responder o aveva perso la risposta nel corso della terapia con inibitori di BTK e i pazienti rimanenti avevano recidivato dopo interruzione del trattamento con inibitori di BTK o avevano manifestato eventi avversi intollerabili.

Dopo aver sottoposto i pazienti a leucoaferesi, gli sperimentatori hanno somministrato una terapia ponte facoltativa nel 37% dei partecipanti che avevano un alto carico di malattia, dando un glucocorticoide da solo o in combinazione con Ibrutinib o Acalabrutinib.
La maggior parte dei destinatari della terapia ponte ha presentato un aumento del carico di malattia nonostante il trattamento.
Dopo la leucoaferesi e la terapia ponte, ai pazienti è stata somministrata la chemioterapia di condizionamento e una singola infusione di KTE-X19.

Secondo un protocollo l'analisi di efficacia primaria sarebbe stata condotta dopo trattamento di 60 pazienti, seguiti per 7 mesi.

KTE-X19 è stato prodotto per 71 pazienti, di questi 68 hanno ricevuto il trattamento per una mediana di 16 giorni dopo la leucoaferesi.
Dei sei pazienti che non hanno ricevuto la terapia con cellule CAR-T, tre hanno manifestato trombosi venosa profonda, uno è morto a causa di progressione della malattia, uno si è ritirato dallo studio e uno ha sofferto di fibrillazione atriale ed è stato considerato non-ammissibile.

Tra i 60 pazienti nell'analisi di efficacia primaria prespecificata, il 93% ( IC 95%, 84-98% ) e il 67% ( IC 95%, 53-78% ) hanno avuto, rispettivamente, risposte obiettive e complete al trattamento, 6 mesi dopo l'infusione.
Il tempo mediano alla risposta iniziale è stato di 1 mese e il tempo mediano per completare la risposta è stato di 3 mesi.

Dopo una mediana di 12.3 mesi ( intervallo, da 7 a 32.3 mesi ), il 57% di quelli nell'analisi di efficacia primaria era in remissione e la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale erano rispettivamente del 61% e dell'83%.

Alla data cut-off finale pre-pubblicazione finale, il 78% di coloro che avevano avuto una risposta completa iniziale erano in remissione e il 76% di tutti i pazienti era vivo.
Non ci sono state differenze nei tassi di risposta tra i sottogruppi di pazienti.

In una analisi intention-to-treat ( ITT ) a 6 mesi che ha incluso tutti e 74 i pazienti arruolati, l'85% ha presentato una risposta obiettiva ( ORR ) e il 59% aveva una risposta completa ( CR ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o superiore sono stati: neutropenie, trombocitopenie e anemia, verificatesi nel 94% dei 68 pazienti trattati.
Altri eventi avversi comuni di grado 3 o maggiore includevano: infezioni, riscontrate nel 32%; sindrome da rilascio di citochine, che si è verificata nel 15%, ed eventi neurologici, nel 31% dei pazienti.

Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Lo studio ha dimostrato che una singola infusione di KTE-X19 era in grado di indurre remissioni durature nei pazienti con linfoma mantellare recidivante o refrattario dopo il fallimento della terapia con inibitori di BTK. ( Xagena2020 )

Fonte. The New England Jurnal of Medicine, 2020

Onco2020 Emo2020 Med2020



Indietro