ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La monoterapia con Acalabrutinib può essere efficace nel trattamento della macroglobulinemia di Waldenström


Acalabrutinib ( Calquence ) è un'opzione terapeutica efficace, duratura e ben tollerata per i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom ( WM ).
L'inibizione della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ) è una strategia di trattamento efficace nella macroglobulinemia di Waldenstrom.

Ibrutinib è stato approvato per il trattamento della macroglobulinemia di Waldenstrom ma è associato a tossicità come sanguinamento e fibrillazione atriale.

Precedenti studi hanno avevano dimostrato che la monoterapia con Acalabrutinib, un inibitore BTK altamente selettivo, può portare a esiti migliori nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom naive al trattamento o macroglobulinemia di Waldenstrom recidivata / refrattaria ( R/R ).

In uno studio di fase 2, sono stati assegnati 106 pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom a ricevere Acalabrutinib orale 100 mg due volte al giorno o 200 mg una volta al giorno fino a quando si è verificata progressione della malattia o tossicità intollerabile.
I pazienti che avevano fallito precedenti terapie ( 92 pazienti ) o non erano mai stati trattati ( 14 pazienti ) erano eleggibili per lo studio.
Una precedente terapia con inibitori BTK era un criterio di esclusione.

Dopo una media di 27.4 mesi di follow-up, il tasso di risposta generale ( ORR ) è stato del 93% tra i pazienti naive-al-trattamento e e i pazienti con malattia recidivata o resistente, e il tasso di risposta maggiore è stato, rispettivamente, del 79% e dell'80%.
Un'analisi di sottogruppi di pazienti che sono stati trattati con almeno 3 linee di terapia precedente ha mostrato che l'ORR era del 95.5%, ed era del 93.4% tra i pazienti che avevano un'età di almeno 65 anni.

La durata mediana della risposta ( DOR ) non era valutabile al momento dell'analisi, ma i tassi a 2 anni di DOR, sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e sopravvivenza globale ( OS ) sono stati, rispettivamente, pari a 90%, 90% e 91.7% tra i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom naive al trattamento; tra i pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom recidivata / resistente questi tassi sono stati, rispettivamente, pari a 82%, 81.9% e 88.9%.

Il 50% ( n=7 ) dei pazienti naive-al-trattamento e il 76% ( n=70 ) dei pazienti recidivanti / refrattari erano ancora in terapia con Acalabrutinib al momento dell'analisi; 9 pazienti hanno interrotto il trattamento a causa della progressione della malattia, 3 pazienti nel gruppo naive-al-trattamento e 6 pazienti nel gruppo recidiva / resistenza hanno manifestato effetti avversi intollerabili.

Gli eventi avversi segnalati più frequentemente includevano mal di testa, diarrea, contusione, vertigini e i più comuni eventi avversi di grado da 3 a 4 sono stati neutropenia, polmonite, anemia, aumento di ALT ( alanina aminotransferasi ) e iponatriemia.

Il 56% dei pazienti ha avuto un evento avverso di sanguinamento, e gli eventi avversi di grado 5 hanno incluso polmonite, glioblastoma multiforme, carcinoma esofageo, ischemia miocardica ed ematoma intracranico.

I risultati hanno indicato che Acalabrutinib ha una attività sostanziale e tollerabilità favorevole nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenstrom. ( Xagena2018 )

Fonte: Annual Meeting ASCO ( American Society of Clinical Oncology ), 2018

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro