GSK Ematologia
Janssen Oncology
Passamonti Linfoma mantellare
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Incorporazione di Brentuximab vedotin nel trattamento di prima linea del linfoma di Hodgkin classico avanzato


Un'alta percentuale di pazienti con linfoma di Hodgkin classico recidivante raggiunge una risposta con il coniugato anticorpo-farmaco Brentuximab vedotin ( Adecetris ), e il farmaco è ben tollerato.
È stato modificato il regime BEACOPP intensificato ( eBEACOPP; Bleomicina, Etoposide, Doxorubicina, Ciclofosfamide, Vincristina, Procarbazina e Prednisone ) ed è stato implementato Brentuximab vedotin con l'obiettivo di ridurre gli effetti tossici mantenendo l'efficacia del protocollo.

È stato effettuato uno studio di fase 2, in aperto, multicentrico, randomizzato, in 20 siti di studio in Germania.
I pazienti adulti di età compresa tra 18 e 60 anni con linfoma di Hodgkin di nuova diagnosi, avanzato, classico sono stati randomizzati al trattamento con 6 cicli di BrECAPP ( Brentuximab vedotin 1.8 mg/kg al giorno 1, Etoposide 200 mg/m2 nei giorni 2-4, Doxorubicina 35 mg/m2 il giorno 2, Ciclofosfamide 1.250 mg/m2 il giorno 2, Procarbazina 100 mg/m2 nei giorni 2-8, e Prednisone 40 mg/m2 nei giorni 2-15 ) o BrECADD ( Brentuximab vedotin 1.8 mg/kg il giorno 1, Etoposide 150 mg/m2 nei giorni 2-4, Doxorubicina 40 mg/m2 il giorno 2, Ciclofosfamide 1.250 mg/m2 il giorno 2, Dacarbazina 250 mg/m2 nei giorni 3-4 e Desametasone 40 mg nei giorni 2-5 ).

La randomizzazione è stata effettuata con il sito di studio e il sesso come fattori di stratificazione.

Gli endpoint co-primari erano la risposta completa alla chemioterapia e la remissione completa alla fine del trattamento.
I pazienti che non hanno soddisfatto i criteri di inclusione dopo la randomizzazione o senza dati di ristadiazione dopo due cicli di trattamento di studio sono stati esclusi dall'analisi dell'endpoint primario.
Tutti i pazienti che hanno iniziato il trattamento di studio erano valutabili per sicurezza.

E' stata presentata l'analisi finale a un follow-up mediano di 17 mesi.

Tra il 2012 e il 2014, 104 pazienti sono stati arruolati nello studio ( 52 assegnati a ciascun braccio dello studio ).
2 pazienti si sono ritirati prima dell'inizio del trattamento di studio a causa di infezione acuta ( n=1 ) e ritiro del consenso ( n=1 ) e un paziente è stato escluso a causa di malattia in stadio intermedio ( tutti sono stati assegnati a BrECAPP ).

42 su 49 pazienti assegnati a BrECAPP ( 86% ) hanno ottenuto una risposta completa dopo la chemioterapia e 46 ( 94% ) hanno presentato remissione completa come esito finale del trattamento.

Nel gruppo BrECADD, 46 su 52 pazienti ( 88% ) hanno raggiunto una risposta completa dopo la chemioterapia e una completa remissione come esito finale del trattamento.

Sono stati segnalati 58 eventi avversi gravi, 32 eventi in 21 su 50 pazienti che hanno ricevuto BrECAPP e 26 eventi in 18 su 52 pazienti che hanno ricevuto BrECADD.

Gli effetti tossici più comuni di grado 3-4 sono stati eventi avversi ematologici ( 91 su 102 pazienti, 89% ).
Effetti tossici di organo di grado 3-4 sono stati riportati in 7 su 42 pazienti assegnati a BrECAPP ( 17% ) e in 2 su 46 pazienti assegnati a BrECADD ( 4% ).

16 dei 50 pazienti assegnati a BrECAPP ( 32% ) e 18 dei 52 pazienti assegnati a BrECADD ( 35% ) hanno sviluppato neuropatia periferica di grado 1-2 e un paziente assegnato a BrECAPP ( 2% ) ha sviluppato neuropatia periferica di grado 3; tutti i casi si sono risolti tranne uno ( assegnato a BrECAPP )
Nessun decesso è stato segnalato durante il periodo di follow-up.

Entrambe le varianti di eBEACOPP hanno soddisfatto gli endpoint co-primari di efficacia. In particolare, il regime BrECADD è stato associato a un profilo di tossicità più favorevole ed è stato, pertanto, selezionato per sfidare lo standard eBEACOPP per il trattamento del linfoma di Hodgkin classico avanzato nello studio di fase 3 HD21 del German Hodgkin Study Group, con l’obiettivo di ridurre ulteriormente la morbilità correlata al trattamento. ( Xagena2017 )

Eichenauer DA et al, Lancet Oncology 2017; 18: 1680-1687

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro