ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Il regime a base di Daratumumab risulta promettente nel mieloma multiplo refrattario o recidivato


I dati dello studio di fase 1 EQUULEUS hanno mostrato che l'aggiunta di Daratumumab ( Darzalex ) a Pomalidomide ( Imnovid; Pomalyst ) e Desametasone è sicura ed efficace nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario.

Nonostante i progressi nelle opzioni di trattamento per il mieloma multiplo, i pazienti con successive recidive o coloro che sono refrattari tendono ad avere esiti non-favorevoli.

L'Agenzia regolatoria degli Stati Uniti, FDA ( Food and Drug Administration ), aveva in precedenza approvato Daratumumab, un anticorpo monoclonale umano con bersaglio CD38, assieme a Desametasone e Lenalidomide oppure a Bortezomib nei pazienti con mieloma che avevano ricevuto almeno un precedente trattamento.
Il farmaco è stato inoltre approvato come monoterapia nei pazienti con mieloma che hanno ricevuto almeno tre trattamenti precedenti, inclusi un inibitore del proteasoma e un agente immunomodulante.
In seguito, l'FDA ha ampliato le indicazioni di Daratumumab per l'uso con Pomalidomide e Desametasone nei pazienti che avevano ricevuto almeno due terapie precedenti, tra cui Lenalidomide e un inibitore del proteasoma.

Nello studio EQUULEUS, i ricercatori hanno somministrato il seguente regime a 103 pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario: 16 mg/kg di Daratumumab per via endovenosa settimanalmente nei cicli da 1 a 2, seguiti ogni 2 settimane nei cicli da 3 a 6 e ogni 4 settimane successivamente; 4 mg di Pomalidomide orale giornalmente nei giorni da 1 a 21; e 40 mg di Desametasone somministrato settimanalmente, prima e dopo le infusioni di Daratumumab, per ridurre ulteriormente il rischio di reazioni correlate all'infusione.

La sicurezza era l'endpoint primario. Gli endpoint secondari hanno incluso il tasso di risposta globale ( ORR ) e la malattia residua minima mediante metodica NGS ( Next-Generation Sequencing ).

Tutti i pazienti avevano ricevuto in precedenza il trattamento anti-mieloma e il 74% dei pazienti è stato sottoposto a un precedente trapianto di cellule staminali autologhe.
I pazienti avevano ricevuto una mediana di quattro precedenti terapie. La maggior parte dei pazienti ( 76% ) aveva ricevuto tre o più terapie precedenti.

Gli eventi avversi correlati al trattamento hanno incluso: neutropenia ( 80% ), anemia ( 54% ), stanchezza ( 32% ), stitichezza ( 34% ), dispnea ( 32% ), nausea ( 31% ), piressia ( 30% ), diarrea ( 43% ), trombocitopenia ( 19% ), dolore alla schiena ( 28% ), infezione del tratto respiratorio superiore ( 28% ) e spasmi muscolari ( 27% ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 e 4, correlati al trattamento, hanno incluso: neutropenia ( 77% ), anemia ( 28% ), leucopenia ( 24% ), trombocitopenia ( 19% ), linfopenia ( 14% ), stanchezza (1 2%), polmonite ( 10% ), neutropenia febbrile e dispnea ( 8% ciascuno ), e iperglicemia, dolore alla schiena e cadute ( 6% ciascuno ).

A parte l'aumento della neutropenia, il profilo di sicurezza di Daratumumab e di Pomalidomide e Desametasone è risultato coerente con quello delle singole terapie.

Le reazioni correlate all'infusione, che si sono verificate nel 50% dei pazienti, comprendevano brividi ( 15% ), tosse ( 11% ), dispnea ( 11% ), nausea ( 9% ), irritazione della gola ( 7% ) e congestione nasale ( 7% ).

Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 60% ( IC 95%, 50.1-69.7 ), di cui l'8% dei pazienti con una risposta completa stringente ( sCR ), il 9% con risposta completa ( CR ), il 25% con una risposta parziale molto buona ( vgPR ) e il 18% con risposta parziale ( PR ).
Il tasso di beneficio clinico è stato del 62%.

Nel complesso, il 25% dei pazienti ha dimostrato una malattia stabile e il 3% una malattia progressiva.

La durata mediana della risposta non era stimabile ( IC 95%, 13.6 - non-definita ) tra i 62 responder.

La sopravvivenza mediana libera da progressione ( PFS ) era di 8.8 mesi ( IC 95%, 4.6-15.4 ), con un tasso di PFS a12 mesi del 42% ( IC 95%, 31.5-51.9 ).

Dopo un follow-up mediano di 13.3 mesi, la sopravvivenza globale mediana è stata pari a 17.5 mesi ( IC 95%, 13.3 - non-definita ), con tassi di sopravvivenza stimati dell'89% ( IC 95%, 81.2-93.8 ) a 3 mesi, 79% ( IC 95%, 69.3-85.6 ) a 6 mesi e del 66% ( IC 95%, 55.6-74.8 ) a 12 mesi. ( Xagena2017 )

Fonte: Blood, 2017

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro