Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Linfoma mantellare

Esiti clinici a lungo termine di Tisagenlecleucel nei pazienti con linfomi a cellule B aggressivi recidivanti o refrattari: studio JULIET


Nell'analisi primaria dello studio JULIET di Tisagenlecleucel ( Kymriah ), una terapia con cellule CAR-T anti-CD19, il miglior tasso di risposta globale è stato del 52% e il tasso di risposta completa è stato del 40% in 93 pazienti adulti valutabili con linfoma a cellule B aggressivo recidivato o refrattario.

È stata fatta un'analisi di follow-up a lungo termine degli esiti clinici e analisi correlate di attività e sicurezza nell'intera coorte di adulti.
In questo studio multicentrico, in aperto, a braccio singolo, di fase 2 ( JULIET ) condotto in 27 Centri di trattamento in dieci Paesi ( Australia, Austria, Canada, Francia, Germania, Italia, Giappone, Paesi Bassi, Norvegia e Stati Uniti ), sono stati arruolati pazienti adulti di età maggiore o uguale a 18 anni con linfomi a grandi cellule B recidivanti o refrattari confermati istologicamente che non erano eleggibili, non hanno acconsentito o hanno avuto progressione della malattia dopo trapianto autologo di cellule staminali ematopoietiche, con un ECOG performance status di 0-1 allo screening.

I pazienti hanno ricevuto una singola infusione endovenosa di Tisagenlecleucel ( dose target 5 x 10(8) cellule CAR-T trasdotte vitali ).

L'endpoint primario era il tasso di risposta globale ( proporzione di pazienti con una migliore risposta complessiva alla malattia di una risposta completa o parziale utilizzando la classificazione di Lugano, come valutato da un Comitato di revisione indipendente ) in qualsiasi momento post-infusione ed è stato analizzato in tutti i pazienti che hanno ricevuto Tisagenlecleucel ( set completo di analisi ).
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto Tisagenlecleucel.

Tra il 2015 e il 2017, sono stati arruolati 167 pazienti. A febbraio 2020, 115 pazienti avevano ricevuto l'infusione di Tisagenlecleucel e sono stati inclusi nel set di analisi completo.

A un follow-up mediano di 40.3 mesi, il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato del 53.0% ( 61 pazienti su 115 ), con 45 pazienti ( 39% ) che hanno avuto una risposta completa come migliore risposta complessiva.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati: anemia ( 45, 39% ), diminuzione della conta dei neutrofili ( 39, 34% ), diminuzione della conta dei globuli bianchi ( 37, 32% ), diminuzione della conta piastrinica ( 32, 28% ), sindrome da rilascio di citochine ( 26, 23% ), neutropenia ( 23, 20% ), neutropenia febbrile ( 19, 17% ), ipofosfatemia ( 15, 13% ) e trombocitopenia ( 14, 12% ).

Gli eventi avversi gravi correlati al trattamento più comuni sono stati: sindrome da rilascio di citochine ( 31, 27% ), neutropenia febbrile ( 7, 6% ), piressia ( 6, 5% ), pancitopenia ( 3, 3% ) e polmonite ( 3, 3% ).
Non sono stati segnalati decessi correlati al trattamento.

Tisagenlecleucel ha mostrato un'attività duratura e profili di sicurezza gestibili nei pazienti adulti con linfomi a cellule B aggressivi recidivanti o refrattari.
Per i pazienti con linfomi a grandi cellule B refrattari alla chemioimmunoterapia o recidivanti dopo terapie di seconda linea, Tisagenlecleucel ha un favorevole rapporto rischio-beneficio rispetto agli approcci terapeutici convenzionali, come la chemioterapia di salvataggio. ( Xagena2021 )

Schuster SJ et al, Lancet Oncology 2021; 22: 1403-1415

Emo2021 Onco2021 Med2021 Farma2021



Indietro