ELN 2018
Janssen Oncology
Roche
Ematobase.it

Dose di irradiazione corporea totale e rischio di successive neoplasie a seguito di trapianto di cellule ematopoietiche allogeniche


È stato esaminato l'impatto della dose di irradiazione corporea totale ( TBI ) e del frazionamento sul rischio di successive neoplasie maligne ( SMN ) nell'era dei regimi di condizionamento a intensità ridotta e non-mieloablativi per il trapianto di cellule ematopoietiche ( HCT ).

Tra 4.905 sopravvissuti a 1 anno con trapianto HCT allogenico per neoplasie ematologiche ( n= 4.500 ) o disturbi non-maligni ( n=405 ) che hanno ricevuto trapianti tra il 1969 e il 2014, sono stati identificati 581 successive neoplasie maligne ( escluse le cellule squamose e basali della pelle ) in 499 individui.

Con una durata mediana di follow-up di 12.5 anni, l'incidenza cumulativa di successive neoplasie maligne entro 30 anni da trapianto HCT è stata del 22.0%.

Rispetto ai tassi di popolazione SEER ( Surveillance, Epidemiology, and End Results ) abbinati per età, sesso e anno, il rapporto standardizzato di incidenza ( SIR ) di successive neoplasie maligne è aumentato di 2.8 volte.

I SIR più alti erano per successive neoplasie maligne a carico delle ossa ( SIR, 28.8 ), cavità orale ( SIR, 13.8 ), pelle ( SIR, 7.3 ), sistema nervoso centrale ( SIR, 6.0 ) e organi endocrini ( SIR, 4.9 ).

I più elevati rischi assoluti in eccesso ( EAR ) sono stati osservati con tumore mammario ( EAR, 2.2 ), tumori del cavo orale ( EAR, 1.5 ) e della pelle ( EAR, 1.5 ) per 1.000 anni-persona.

La più alta incidenza di successive neoplasie maligne è stata nei sopravvissuti esposti a irradiazione corporea totale non-frazionata ( 600-1000 cGy ) o frazionata ad alte dosi ( 1440-1750 cGy ).

Per i pazienti che hanno ricevuto irradiazione corporea totale a basso dosaggio, l'incidenza è stata paragonabile alla chemioterapia mieloablativa da sola, sebbene sia ancora doppiamente superiore rispetto alla popolazione generale.

Questi dati hanno dimostrato un forte effetto della dose di irradiazione corporea totale, del frazionamento della dose e del rischio di successive neoplasie maligne dopo trapianto di cellule staminali.
L'incidenza cumulativa di successive neoplasie maligne aumenta con il tempo di follow-up; pertanto, i sopravvissuti a trapianto di cellule staminali richiedono un monitoraggio a vita per la diagnosi precoce e la terapia efficace delle successive neoplasie maligne. ( Xagena2019 )

Baker KS et al, Blood 2019; 133: 2790-2799

Emo2019 Onco2019



Indietro