Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Ciltacabtagene autoleucel o cura standard nel mieloma multiplo refrattario alla Lenalidomide


Ciltacabtagene autoleucel ( Cilta-cel; Carvykti ), una terapia con cellule CAR-T diretta contro l'antigene di maturazione delle cellule B ( BCMA ), è efficace nei pazienti pesantemente pretrattati con mieloma multiplo recidivato o refrattario.

È stato studiato Ciltacabtagene autoleucel in linee precoci di trattamento in pazienti con malattia refrattaria a Lenalidomide.

In uno studio di fase 3, randomizzato, in aperto, sono stati assegnati i pazienti con mieloma multiplo refrattario a Lenalidomide a ricevere Ciltacabtagene autoleucel o un'efficace cura standard a scelta del medico.
Tutti i pazienti avevano ricevuto da una a tre linee di trattamento precedenti.

L'esito primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

In totale 419 pazienti sono stati sottoposti a randomizzazione ( 208 per ricevere Ciltacabtagene autoleucel e 211 per ricevere cure standard ).

A un follow-up mediano di 15.9 mesi, la sopravvivenza libera da progressione mediana non è stata raggiunta nel gruppo Ciltacabtagene autoleucel ed è stata di 11.8 mesi nel gruppo cure standard ( hazard ratio, HR=0.26; P minore di 0.001 ).

La sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stata del 75.9% nel gruppo Ciltacabtagene autoleucel e del 48.6% nel gruppo cure standard. Un numero maggiore di pazienti nel gruppo Ciltacabtagene autoleucel rispetto al gruppo cure standard ha avuto una risposta globale ( 84.6% vs 67.3% ), una risposta completa o migliore ( 73.1% vs 21.8% ) e un'assenza di malattia minima residua ( 60.6% vs 15.6% ).

La morte per qualsiasi causa è stata riportata rispettivamente in 39 e 46 pazienti ( HR=0.78 ). La maggior parte dei pazienti ha riportato eventi avversi di grado 3 o 4 durante il trattamento.

Tra i 176 pazienti che hanno ricevuto Ciltacabtagene autoleucel nella popolazione trattata, 134 ( 76.1% ) hanno manifestato sindrome da rilascio di citochine ( grado 3 o 4, 1.1%; nessun grado 5 ), 8 ( 4.5% ) hanno avuto sindrome da neurotossicità associata a cellule effettrici immunitarie ( tutti di grado 1 o 2 ), 1 ha presentato sintomi motori e neurocognitivi ( grado 1 ), 16 ( 9.1% ) hanno sofferto di paralisi del nervo cranico ( grado 2, 8.0%; grado 3, 1.1% ) e 5 ( 2.8% ) hanno manifestato neuropatia periferica correlata a cellule CAR-T ( grado 1 o 2, 2.3%; grado 3, 0.6% ).

Una singola infusione di Ciltacabtagene autoleucel ha comportato un minor rischio di progressione della malattia o morte rispetto alle cure standard nei pazienti refrattari a Lenalidomide con mieloma multiplo che avevano ricevuto da una a tre terapie precedenti. ( Xagena2023 )

San-Miguel J et al, N Engl J Med 2023; Online ahead of print.

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro