Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Brexucabtagene autoleucel per il linfoma mantellare recidivante o refrattario nella pratica standard di cura: risultati dello US Lymphoma CAR-T Consortium


Brexucabtagene autoleucel ( Tecartus ) è una terapia CAR-T mirata a CD19 approvata per il linfoma a cellule del mantello ( MCL ) recidivato / refrattario.

Questa terapia è stata approvata sulla base dello studio di fase II a braccio singolo ZUMA-2, che ha mostrato i migliori tassi di risposta globale e completa rispettivamente del 91% e del 68%.

Sono stati riportati gli esiti clinici con Brexucabtagene autoleucel nell'impostazione standard di cura per l'indicazione approvata.

Sono stati inclusi i pazienti sottoposti a leucaferesi tra agosto 2020 e dicembre 2021, presso 16 centri statunitensi, con l'intento di produrre Brexucabtagene autoleucel commerciale per il linfoma a cellule del mantello recidivato / refrattario.

I dati dei pazienti sono stati raccolti per l'analisi delle risposte, degli esiti e delle tossicità secondo le linee guida standard.

Dei 189 pazienti sottoposti a leucaferesi, 168 ( 89% ) hanno ricevuto l'infusione di Brexucabtagene autoleucel. Dei pazienti sottoposti a leucaferesi, il 79% non avrebbe soddisfatto i criteri di ammissibilità di ZUMA-2.

I migliori tassi di risposta globale e risposta completa sono stati rispettivamente del 90% e dell'82%.

A un follow-up mediano di 14.3 mesi dopo l'infusione, le stime per la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) a 6 e 12 mesi sono state del 69% e del 59%, rispettivamente.

La mortalità senza recidive è stata del 9.1% a 1 anno, principalmente a causa delle infezioni.
La sindrome da rilascio di citochine e la neurotossicità di grado 3 o superiore si sono verificate rispettivamente nell'8% e nel 32%.

In un’analisi univariata, indice prognostico internazionale di linfoma a cellule del mantello semplificato ad alto rischio, alto Ki-67, aberrazione TP53, cariotipo complesso e variante blastoide / pleomorfa sono stati associati a sopravvivenza libera da progressione più breve dopo l'infusione di Brexucabtagene autoleucel.

I pazienti con recente esposizione a Bendamustina ( entro 24 mesi prima della leucaferesi ) hanno presentato più breve sopravvivenza libera da progressione e sopravvivenza globale dopo la leucaferesi nell'analisi univariata per intention-to-treat ( ITT ).

Nel contesto dello standard di cura, l'efficacia e la tossicità di Brexucabtagene autoleucel sono state coerenti con quelle riportate nello studio ZUMA-2.
Le caratteristiche intrinseche del linfoma a cellule del mantello, e possibilmente la recente esposizione alla Bendamustina, possono essere associate a esiti di efficacia inferiori. ( Xagena2023 )

Wang Y et al, J Clin Oncol 2023; 41: 2594-2606

Emo2023 Onco2023 Med2023 Farma2023



Indietro