Roche
Janssen Oncology
ELN 2018
Ematobase.it

Belantamab mafodotin per mieloma multiplo recidivante o refrattario: studio DREAMM-2


Belantamab mafodotin, un immunoconiugato mirato all'antigene della maturazione delle cellule B, ha mostrato attività come singolo agente nello studio di fase 1 DREAMM-1 in pazienti pesantemente pretrattati con mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Sono state studiate ulteriormente la sicurezza e l'attività di Belantamab mafodotin nello studio DREAMM-2.

DREAMM-2 è uno studio di fase 2 in aperto, a due bracci, condotto in 58 centri specializzati nel mieloma multiplo in otto Paesi.
Sono stati reclutati pazienti di età a partire da 18 anni con mieloma multiplo recidivante o refrattario con progressione della malattia dopo tre o più linee di terapia e refrattari a farmaci immunomodulatori e inibitori del proteasoma, refrattari o intolleranti o entrambi a un anticorpo monoclonale anti-CD38 con un ECOG performance status di 0–2, e sono stati assegnati in modo casuale stratificando per precedenti linee di terapia ( 4 o meno versus più di 4 ) e caratteristiche citogenetiche a ricevere 2.5 mg/kg o 3.4 mg/kg di Belantamab mafodotin per infusione endovenosa ogni 3 settimane il giorno 1 di ciascun ciclo fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

La popolazione intention-to-treat comprendeva tutti i pazienti randomizzati, indipendentemente dalla somministrazione del trattamento.
La popolazione di sicurezza comprendeva tutti i pazienti che avevano ricevuto almeno una dose di Belantamab mafodotin.

L'esito primario era la percentuale di pazienti assegnati in modo casuale nella popolazione intention-to-treat che avevano ottenuto una risposta globale.

Tra il 2018 e il 2019, 196 pazienti sono stati inclusi nella popolazione intention-to-treat ( 97 nella coorte 2.5 mg/kg e 99 nella coorte 3.4 mg/kg ).

Al 21 giugno 2019, data limite per l'analisi dei dati primari, 30 su 97 pazienti ( 31% ) nella coorte 2.5 mg/kg e 34 su 99 pazienti ( 34% ) nella coorte 3.4 mg/kg avevano ottenuto una risposta globale.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni nella popolazione di sicurezza sono stati cheratopatia (i n 26 su 95 pazienti, 27%, nella coorte 2.5 mg/kg e 21 su 99 pazienti, 21%, nella coorte 3.4 mg/kg ), trombocitopenia ( 19, 20%, e 33, 33% ) e anemia ( 19, 20%, e 25, 25% ); 38 su 95 pazienti ( 40% ) nella coorte 2.5 mg/kg e 47 su 99 ( 47% ) nella coorte 3.4 mg/kg hanno riportato eventi avversi gravi.

Due decessi sono risultati potenzialmente correlati al trattamento ( un caso di sepsi nella coorte 2.5 mg/kg e un caso di linfoistiocitosi emofagocitica nella coorte 3.4 mg/kg ).

Belantamab mafodotin come agente singolo ha mostrato attività anti-mieloma con un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. ( Xagena2020 )

Lonial S et al, Lancet Oncology 2020; 21: 207-221

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro