Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Momelotinib versus Danazolo nei pazienti sintomatici con anemia e mielofibrosi precedentemente trattati con un inibitore JAK: studio MOMENTUM


Lo studio MOMENTUM ha raggiunto tutti gli endpoint chiave alla settimana 24, dimostrando benefici su sintomi, milza e anemia con Momelotinib ( Ojjaara ) rispetto a Danazolo ( Danatrol ) nei pazienti con mielofibrosi.
In questa analisi aggiornata, è stata riportata la durata delle risposte alla settimana 24 e le nuove risposte con Momelotinib fino alla settimana 48.

MOMENTUM è uno studio internazionale di fase 3, in doppio cieco, randomizzato, condotto in 107 Centri in 21 Paesi.
I pazienti avevano 18 anni o più con mielofibrosi primaria, post-policitemia vera o post-trombocitemia essenziale, erano stati precedentemente trattati con un inibitore della Janus chinasi ( JAK ) per 90 giorni o più ( 28 giorni o più con complicazioni ematologiche ) e avevano un ECOG performance status pari o inferiore a 2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale al gruppo Momelotinib ( 200 mg per via orale una volta al giorno ) o al gruppo Danazolo ( 300 mg per via orale due volte al giorno ) fino alla settimana 24.

I fattori di stratificazione erano il punteggio TSS ( Total Symptom Score; inferiore a 22 vs maggiore o uguale a 22 ), le dimensioni della milza ( inferiore a 12 cm vs maggiore o uguale a 12 cm ), il carico trasfusionale ( 0 unità vs 1-4 unità vs 5 o più unità ) e il sito di studio.
Dopo la settimana 24, tutti i pazienti inizialmente assegnati in modo casuale a uno dei due gruppi che sono rimasti nello studio hanno ricevuto Momelotinib in aperto.

L'endpoint primario, già riportato, era il tasso di risposta TSS del Myelofibrosis Symptom Assessment Form alla settimana 24.
Gli endpoint secondari predefiniti erano la durata di TSS alla settimana 24, le risposte di indipendenza dalla trasfusione, la sicurezza e la sopravvivenza, riepilogati post hoc alla data cut-off alla settimana 48 ( maggio 2022 ).

TSS, indipendenza dalle trasfusioni e risposte spleniche alla settimana 48 sono state definite post hoc e valutate in tutti i pazienti valutabili entrati nel periodo in aperto e che hanno fornito dati sufficienti.

La tempistica di questa analisi aggiornata è stata definita post hoc dopo che tutti i pazienti hanno avuto l'opportunità di completare le valutazioni della settimana 48, poiché la maggior parte dei pazienti è entrata in uno studio ad accesso esteso dopo la settimana 48.

Nel periodo 2020-2021, sono stati randomizzati in totale 195 pazienti ( 130, 67%, nel gruppo Momelotinib e 65, 33%, nel gruppo Danazolo ).
93 pazienti su 130 ( 72% ) nel gruppo Momelotinib e 41 su 65 ( 63% ) nel gruppo Danazolo sono entrati nel periodo di estensione in aperto di Momelotinib.

Il follow-up mediano è stato di 48.4 settimane. Tra i pazienti valutabili con TSS alla settimana 48, hanno risposto 30 dei 67 pazienti ( 45% ) nel gruppo Momelotinib che hanno continuato il trattamento e 15 dei 30 pazienti ( 50% ) nel gruppo Danazolo che hanno effettuato il crossover.

I pazienti che hanno risposto a TSS in qualsiasi momento durante il periodo in aperto entro la settimana 48 sono stati 46 su 75 pazienti valutabili ( 61% ) nel gruppo Momelotinib che hanno continuato e 19 su 32 nel gruppo Danazolo ( 59% ) che hanno effettuato il crossover, inclusa la maggior parte dei pazienti che avevano risposto alla settimana 24 più nuovi pazienti con una risposta.

Non sono emersi nuovi segnali di sicurezza con il follow-up a lungo termine. Gli eventi avversi non-ematologici più comuni emergenti dal trattamento nei pazienti trattati con Momelotinib durante l'intero periodo di studio al momento del cut-off dei dati sono stati: diarrea ( 45 su 171, 26% ) e astenia ( 28, 16% ); gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 emersi dal trattamento sono stati: trombocitopenia ( 33, 19% ) e anemia ( 19, 11% ).

Eventi avversi gravi emergenti dal trattamento sono stati segnalati in 79 su 171 pazienti ( 46% ), mentre eventi avversi fatali emergenti dal trattamento sono stati segnalati in 30 ( 18% ); due eventi avversi fatali emergenti dal trattamento sono stati considerati possibilmente correlati a Momelotinib ( enterite da rotavirus e polmonite da stafilococco ).

Momelotinib è risultato associato a benefici duraturi in termini di sintomi, milza e anemia, risposte tardive dopo la settimana 24 e sicurezza favorevole fino alla settimana 48.
Questi risultati hanno evidenziato i potenziali benefici del trattamento con Momelotinib nei pazienti con mielofibrosi, in particolare quelli con anemia. ( Xagena2023 )

Gerds AT et al, Lancet Haematology 2023; 10: 735-746

Emo2023 Onco2023 Farma2023



Indietro