Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Ibrutinib in associazione a Rituximab per forme cliniche indolenti di linfoma mantellare


La necessità di una gestione individualizzata delle forme cliniche indolenti nel linfoma mantellare ( MCL ) è sempre più riconosciuta.
Si è ipotizzato che un trattamento su misura con Ibrutinib ( Imbruvica ) in combinazione con Rituximab ( MabThera ) ( regime IR ) possa ottenere risposte significative in questi pazienti.

È stato condotto uno studio multicentrico a braccio singolo, in aperto, di fase II con un disegno a due fasi condotto in 12 siti GELTAMO in Spagna.
Erano eleggibili i pazienti con linfoma mantellare non-trattato in precedenza con forme cliniche indolenti definite dai seguenti criteri: nessun sintomo correlato alla malattia, varianti non-blastoidi, Ki-67 inferiore al 30% e diametro del tumore più grande minore o uguale a 3 cm.
Sono stati reclutati entrambi i sottotipi leucemici non-linfonodali e linfonodali.

I pazienti hanno ricevuto Ibrutinib 560 mg una volta al giorno e un totale di 8 dosi di Rituximab 375 mg/m2.
Ibrutinib poteva essere interrotto dopo 2 anni in caso di malattia minima residua ( MRD ) non-rilevabile sostenuta.

L'endpoint primario era il tasso di risposta completa ( CR ) raggiunto dopo 12 cicli secondo i criteri di Lugano.

Sono stati arruolati 50 pazienti con linfoma mantellare ( maschi 66%; età mediana 65 anni ).

Dopo 12 cicli di trattamento, 42 ( 84% ) hanno presentato una risposta complessiva, di cui 40 ( 80% ) con risposta completa.
Inoltre, la malattia minima residua non-rilevabile nel sangue periferico è stata raggiunta nell'87% dei casi.

A 2 anni, 24 dei 35 pazienti valutabili ( 69% ) hanno potuto interrompere Ibrutinib a causa di malattia minima residua non-rilevabile.
4 pazienti hanno presentato progressione della malattia; tre erano linfomi mantellari non-linfonodali e portavano un'elevata complessità genomica e mutazioni TP53 al momento dell'arruolamento. Non è stata osservata alcuna tossicità inaspettata tranne un paziente con grave anemia aplastica.

La combinazione di Ibrutinib e Rituximab in prima linea raggiunge un alto tasso di risposta completa e malattia minima residua non-rilevabile nelle forme cliniche indolenti di linfoma mantellare.
L'interruzione sembra appropriata nei casi con malattia minima residua non-rilevabile, ad eccezione dei casi con mutazione TP53. ( Xagena2022 )

Giné E et al, J Clin Oncol 2022; 40: 1196-1205

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro