Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti: Macroglobulinemia di Waldenstrom

Carfilzomib, Desametasone e Daratumumab rispetto a Carfilzomib e Desametasone per i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario: studio CANDOR


Nonostante i recenti progressi nelle opzioni terapeutiche, permane un'esigenza insoddisfatta di trattare i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario, specialmente quelli precedentemente esposti o refrattari alla Lenalidomide.

Una analisi aggiornata di efficacia e sicurezza dello studio di fase 3 CANDOR ha confrontato la tripletta Carfilzomib ( Kyprolis ), Daratumumab ( Darzalex ) e Desametasone ( KdD ) con la doppietta Carfilzomib e Desametasone ( Kd ) nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

In questa analisi aggiornata dello studio randomizzato, multicentrico, in aperto, di fase 3 CANDOR, pazienti di età maggiore o uguale a 18 anni con mieloma multiplo recidivante o refrattario, almeno una risposta parziale da 1 e fino a 3 precedenti terapie, e ECOG performance status pari a 0-2, sono stati reclutati da 102 Centri medici a livello globale e assegnati in modo casuale a ricevere KdD o Kd.
I partecipanti sono stati stratificati per stadio della malattia, precedente inibitore del proteasoma o esposizione agli anticorpi anti-CD38 e numero di terapie precedenti.

Tutti i pazienti hanno ricevuto infusioni endovenose di Carfilzomib due volte a settimana a 56 mg/m2 ( 20 mg/m2 nei giorni 1 e 2 durante il ciclo 1 ) nei giorni 1, 2, 8, 9, 15 e 16 di ciascun ciclo di 28 giorni.

Daratumumab ( 8 mg/kg ) è stato somministrato per via endovenosa nei giorni 1 e 2 del ciclo 1 e a 16 mg/kg settimanalmente per le dosi rimanenti dei primi due cicli, poi ogni 2 settimane per quattro cicli ( cicli 3-6 ) e successivamente ogni 4 settimane.
I pazienti hanno ricevuto 40 mg di Desametasone settimanalmente ( 20 mg per i pazienti di età maggiore a 75 anni ).

Questa analisi era un'analisi provvisoria pre-pianificata per la sopravvivenza globale; tuttavia, al momento del cutoff dei dati, i dati sulla sopravvivenza globale non erano maturi.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ).

Sono stati forniti i dati aggiornati sulla sopravvivenza libera da progressione, valutati nella popolazione intention-to-treat ( ITT ), con 11 mesi di follow-up aggiuntivo.
Gli eventi avversi sono stati valutati nella popolazione di sicurezza, che includeva tutti i partecipanti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento di studio.

Tra giugno 2017 e giugno 2018 sono stati arruolati 466 pazienti, di cui 312 hanno ricevuto KdD e 154 hanno ricevuto Kd.
Al cutoff dei dati nel 2020, il follow-up mediano era di 27.8 mesi per KdD e 27.0 mesi per Kd.

La sopravvivenza mediana libera da progressione è stata di 28.6 mesi nel gruppo KdD e 15.2 mesi nel gruppo Kd ( hazard ratio 0.59, log-rank P minore di 0.0001 ).

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento nella popolazione di sicurezza erano coerenti con l'analisi primaria.
Eventi avversi di grado 3 o superiore emergenti dal trattamento si sono verificati in 268 pazienti ( 87% ) nel gruppo KdD e in 116 ( 76% ) nel gruppo Kd; più comunemente trombocitopenia ( 76, 25%, vs 25, 16%, rispettivamente ), ipertensione ( 65, 21%, vs 23, 15% ), polmonite ( 54, 18%, vs 14, 9% ) e anemia ( 53, 17%, vs 23, 15% ).

Eventi avversi gravi si sono verificati in 194 pazienti ( 63% ) con regime KdD e 76 ( 50% ) con regime Kd.
Eventi avversi che hanno portato alla morte si sono verificati in 27 pazienti ( 9% ) nel gruppo KdD e 7 ( 5% ) nel gruppo Kd; più comunemente shock settico ( 5, 2%, vs 1, 1% ) e polmonite ( 4, 1%, vs nessuno ).

Dall'analisi primaria non si sono verificati nuovi decessi correlati al trattamento.

È stato confermato un chiaro vantaggio di sopravvivenza libera da progressione mantenuto di KdD rispetto a Kd con un follow-up più lungo, rendendo KdD uno standard di cura emergente per i pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario. ( Xagena2022 )

Usmani SZ et al, Lancet Oncology 2022; 23: 65-76

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro