Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Zanubrutinib versus Bendamustina e Rituximab nella leucemia linfatica cronica non-trattata e nel piccolo linfoma linfocitico: studio SEQUOIA


Zanubrutinib ( Brukinsa ) è un inibitore selettivo della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK )di nuova generazione con efficacia nella leucemia linfatica cronica ( CLL ) recidivante e nel linfoma a piccoli linfociti ( SLL ).
È stato confrontato Zanubrutinib con Bendamustina - Rituximab per determinarne l'efficacia come terapia di prima linea nei pazienti con leucemia CLL o linfoma SLL.

È stato condotto uno studio in aperto, multicentrico, di fase 3 in 153 ospedali accademici o comunitari in 14 Paesi e Regioni.
I pazienti eleggibili avevano leucemia CLL o linfoma SLL non-trattati che richiedevano un trattamento secondo i criteri dell’International Workshop on CLL; avevano 65 anni o più, o 18 anni o più e con comorbilità; e avevano un punteggio ECOG performance status di 0-2.

Sono stati assegnati in modo casuale i pazienti senza del( 17 )( p13.1 ) a Zanubrutinib ( gruppo A ) o Bendamustina - Rituximab ( gruppo B ).
I pazienti con del( 17 )( p13.1 ) sono stati arruolati nel gruppo C e hanno ricevuto Zanubrutinib.

Zanubrutinib è stato somministrato per via orale a 160 mg due volte al giorno ( cicli di 28 giorni ); Bendamustina a 90 mg/m2 di superficie corporea nei giorni 1 e 2 per 6 cicli più Rituximab a 375 mg/m2 di superficie corporea il giorno precedente o il giorno 1 del ciclo 1 e 500 mg/m2 di superficie corporea al giorno 1 dei cicli 2-6 sono stati somministrati per via endovenosa.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione secondo il comitato di revisione indipendente nella popolazione intention-to-treat ( ITT ) nei gruppi A e B, con un minimo di alfa bilaterale di 0.05 per la superiorità.
La sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose del trattamento in studio.

Tra il 2017 e il 2019 sono stati arruolati 590 pazienti; i pazienti senza del( 17 )( p13.1 ) sono stati assegnati in modo casuale a Zanubrutinib ( gruppo A; n=241 ) o Bendamustina-Rituximab ( gruppo B; n=238 ).

Al follow-up mediano di 26.2 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione secondo il Comitato di revisione indipendente non è stata raggiunta in nessuno dei due gruppi ( gruppo A non-stimabile, NE; gruppo B da 28.1 mesi a NE ).

La sopravvivenza libera da progressione è significativamente migliorata nel gruppo A rispetto al gruppo B ( hazard ratio, HR=0.42; P minore di 0.0001 bilaterale ).

L'evento avverso di grado 3 o superiore più comune è stata la neutropenia ( 27 su 240 pazienti, 11%, nel gruppo A, 116 su 227, 51%, nel gruppo B e 17 su 111 pazienti, 15%, nel gruppo C ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 88 dei 240 pazienti ( 37% ) del gruppo A, 113 dei 227 pazienti ( 50% ) del gruppo B e 45 dei 111 pazienti ( 41% ) del gruppo C.

Eventi avversi che hanno portato alla morte si sono verificati in 11 su 240 pazienti ( 5% ) nel gruppo A, 12 su 227 pazienti ( 5% ) nel gruppo B e 3 su 111 pazienti ( 3% ) nel gruppo C, più comunemente a causa di COVID-19 ( 4 su 240 pazienti, 2%, nel gruppo A ), diarrea e polmonite da aspirazione ( 2 ciascuno su 227 pazienti, 1%, nel gruppo B ).

Zanubrutinib ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Bendamustina-Rituximab, con un profilo di sicurezza accettabile coerente con gli studi precedenti.
Questi dati supportano Zanubrutinib come una potenziale nuova opzione di trattamento per la leucemia linfatica cronica e il linfoma a piccoli linfociti non-trattati. ( Xagena2022 )

Tam CS et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1031-1043

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro