Janssen Oncology
ELN 2018
Roche
Ematobase.it

Venetoclax in associazione con Citarabina con o senza Idarubicina nei bambini con leucemia mieloide acuta recidiva o refrattaria


Gli esiti per i bambini con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria rimangono sfavorevoli.
L'inibitore BCL-2 Venetoclax ( Venclyxto ) ha mostrato una attività promettente in associazione con agenti ipometilanti e Citarabina a basso dosaggio negli anziani con leucemia mieloide acuta di nuova diagnosi per i quali la chemioterapia non è adatta.

Sono state determinate la sicurezza e l'attività di Venetoclax in combinazione con chemioterapia standard e ad alte dosi nei pazienti pediatrici con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria.

È stato condotto uno studio di fase 1 sull'aumento della dose in tre ospedali negli Stati Uniti.
I pazienti eleggibili avevano un'età compresa tra 2 e 22 anni con leucemia mieloide acuta recidivata o refrattaria o leucemia acuta con lineage ambiguo con funzioni organiche e stato di prestazione adeguati.

Durante l'escalation della dose, i partecipanti hanno ricevuto Venetoclax per via orale una volta al giorno in cicli continui di 28 giorni a 240 mg/m2 o 360 mg/m2, in associazione con Citarabina ricevuta per via endovenosa ogni 12 ore a 100 mg/m2 per 20 dosi o 1.000 mg/m2 per 8 dosi, con o senza Idarubicina endovenosa ( 12 mg/m2 ) come dose singola.

L'endpoint primario era la dose raccomandata di fase 2 di Venetoclax più la chemioterapia e l'endpoint secondario era la percentuale di pazienti trattati alla dose raccomandata di fase 2 che hanno raggiunto la remissione completa o la remissione completa con recupero ematologico incompleto.
Le analisi sono state condotte su pazienti sottoposti a terapia di associazione.

Tra il 2017 e il 2019, sono stati arruolati 38 pazienti di età compresa tra 3 e 22 anni, 36 dei quali hanno ricevuto una terapia di associazione con escalation della dose, con un follow-up mediano di 7.1 mesi.
La dose raccomandata di fase 2 di Venetoclax è risultata essere 360 ​​mg/m2 ( massimo 600 mg ) in combinazione con Citarabina ( 1.000 mg/m2 per dose per 8 dosi ), con o senza Idarubicina ( 12 mg/m2 come dose singola ).

Sono state osservate risposte globali in 24 dei 35 pazienti valutabili ( 69% ) dopo il ciclo 1.
Tra i 20 pazienti trattati alla dose raccomandata di fase 2, 14 ( 70% ) hanno mostrato una risposta completa con o senza recupero ematologico completo e 2 ( 10% ) hanno mostrato una risposta parziale.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia febbrile ( 22, 66% ), infezioni del flusso sanguigno ( 6, 16% ) e infezioni fungine invasive ( 6, 16% ).
La morte correlata al trattamento si è verificata in un paziente a causa di colite e sepsi.

La sicurezza e l'attività di Venetoclax più la chemioterapia in pazienti pediatrici con leucemia mieloide acuta fortemente recidivata e refrattaria suggeriscono che questa combinazione debba essere testata in pazienti pediatrici di nuova diagnosi con leucemia mieloide acuta ad alto rischio. ( Xagena2020 )

Karol SE et al, Lancet Oncology 2020; 21: 551-560

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro