Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Teclistamab nel mieloma multiplo recidivante o refrattario


Teclistamab ( Tecvayli ) è un anticorpo bispecifico di reindirizzamento dei linfociti T mirato sia a CD3 espresso sulla superficie dei linfociti T, sia all'antigene di maturazione dei linfociti B ( BCMA ) espresso sulla superficie delle cellule del mieloma.
Nella parte di fase 1 dello studio di definizione della dose, Teclistamab ha mostrato un'efficacia promettente nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.

In uno studio di fase 1-2, sono stati arruolati pazienti che avevano mieloma recidivante o refrattario dopo almeno tre linee terapeutiche, inclusa l'esposizione di tripla classe a un farmaco immunomodulatore, un inibitore del proteasoma e un anticorpo anti-CD38.

I pazienti hanno ricevuto un'iniezione sottocutanea settimanale di Teclistamab a una dose di 1.5 mg per chilogrammo di peso corporeo dopo aver ricevuto dosi crescenti di 0.06 mg e 0.3 mg per chilogrammo.


L'endpoint primario era la risposta complessiva ( risposta parziale o migliore ).

Tra i 165 pazienti che hanno ricevuto Teclistamab, il 77.6% aveva una malattia refrattaria di tripla classe ( mediana, 5 linee terapeutiche precedenti ).

Con un follow-up mediano di 14.1 mesi, il tasso di risposta complessivo è stato del 63.0%, con 65 pazienti ( 39.4% ) che hanno avuto una risposta completa o migliore.

In totale 44 pazienti ( 26.7% ) non presentavano malattia minima residua ( MRD ); il tasso di negatività a MRD tra i pazienti con una risposta completa o migliore è stato del 46%.
La durata mediana della risposta è stata di 18.4 mesi.
La durata mediana della sopravvivenza libera da progressione è stata di 11.3 mesi.

Gli eventi avversi comuni hanno incluso la sindrome da rilascio di citochine ( nel 72.1% dei pazienti; grado 3, 0.6%; nessuno grado 4 ), neutropenia ( nel 70.9%; grado 3 o 4, 64.2% ), anemia ( nel 52.1%; grado 3 o 4, 37.0% ) e trombocitopenia ( nel 40.0%; grado 3 o 4, 21.2% ).
Le infezioni sono state frequenti ( nel 76.4%; grado 3 o 4, 44.8% ).
Eventi neurotossici si sono verificati in 24 pazienti ( 14.5% ), inclusa la sindrome da neurotossicità associata alle cellule effettrici immuni in 5 pazienti ( 3.0%; tutti di grado 1 o 2 ).

Teclistamab ha determinato un alto tasso di risposta profonda e duratura nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario esposto a tripla classe.
Le citopenie e le infezioni sono risultate comuni; gli effetti tossici coerenti con il reindirizzamento dei linfociti T sono stati per lo più di grado 1 o 2. ( Xagena2022 )

Moreau P et al, N Engl J Med 2022; 387: 495-505

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro