ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Sotatercept allevia il burden di anemia nella sindrome mielodisplastica a basso rischio


Il trattamento con Sotatercept è risultato associato a una risposta ematologica con miglioramento eritroide e a una riduzione del carico trasfusionale nei pazienti anemici con sindrome mielodisplastica a basso rischio.

L'anemia è una comune complicanza della sindrome mielodisplastica, uno dei tumori del sangue più comuni nei pazienti anziani.
Circa il 90% dei pazienti sono anemici, e dal 60 al 70% diventerà dipendente dalle trasfusioni.
Ci sono limitate opzioni terapeutiche per l’anemia nella sindrome mielodisplastica a basso rischio.

I ricercatori hanno cercato di determinare una dose tollerata e sicura di Sotatercept per la risposta ematologica con miglioramento eritroide nei pazienti con anemia associata alla sindrome mielodisplastica.

L'analisi ha riguardato 54 pazienti con rischio basso o intermedio-1 per la sindrome mielodisplastica o la leucemia mielomonocitica cronica proliferativa.
L’età media dei pazienti era di 71 anni.
Il tempo mediano dalla diagnosi era di 4 anni; il 70% dei pazienti era di sesso maschile.

Tutti i pazienti presentavano anemia con livelli di emoglobina inferiori o uguali a 9 g/dl, e il 94% dei pazienti non aveva risposto ai farmaci stimolanti l'eritropoiesi o era andato incontro a perdita di risposta.

I pazienti avevano ricevuto una mediana di 6 trasfusioni di unità di eritrociti nelle 8 settimane prima dell'arruolamento.
Quarantacinque pazienti avevano un elevato carico trasfusionale, definito dall’aver ricevuto quattro o più trasfusioni nelle precedenti 8 settimane.

I pazienti sono stati assegnati ai seguenti dosaggi di Sotatercept una volta ogni 3 settimane, per via sottocutanea: 0.1 mg/kg ( n=7 ), 0.3 mg/kg ( n=6 ), 0.5 mg/kg ( n=21 ) oppure 1 mg/kg ( n=20 ).

I dati di efficacia erano disponibili per 53 pazienti. Di questi, 24 ( 45% ) pazienti hanno raggiunto una risposta ematologica con miglioramento eritroide.

Diciannove pazienti su 44 che presentavano un carico trasfusionale elevato sono andati incontro a una riduzione di quattro o più trasfusioni durante le 8 settimane.
Cinque pazienti hanno raggiunto l'indipendenza trasfusionale, e la durata della indipendenza trasfusionale variava da 62 a 345 giorni o più.

Cinque dei nove pazienti con un basso carico trasfusionale hanno presentato un aumento della emoglobina di 1.5 g/dL o superiore per 8 o più settimane e hanno raggiunto indipendenza trasfusionale.
Il 67% di questi pazienti ha ricevuto la dose di 1 mg/kg, mentre il 33% ha ricevuto la dose di 0.5 mg/kg.

I pazienti che al basale soffrivano di trombocitopenia hanno presentato un aumento delle piastrine, mentre i pazienti con neutropenia al basale hanno visto aumentare i livelli di neutrofili.

Venti pazienti hanno presentato almeno un evento avverso; i più comuni sono stati: affaticamento ( 11% ), cefalea ( 9.3% ), diminuzione dell'appetito e nausea ( entrambi 7.4% ).

Trentacinque pazienti hanno interrotto il trattamento con Sotatercept; 28 di questi hanno interrotto a causa della mancanza di effetto del trattamento.
Un paziente ha sospeso il trattamento a causa di una anemia emolitica di grado 2, ipertensione di grado 3, debolezza muscolare di grado 2.

Sotatercept ha mostrato evidenza di attività clinica in questa coorte di pazienti con sindrome mielodisplastica a basso rischio che erano anemici e refrattari ai farmaci stimolanti l'eritropoiesi. ( Xagena2014 )

Fonte: American Society of Hematology ( ASH ) Annual Meeting, 2014

Emo2014 Onco2014 Farma2014


Indietro