Passamonti Neoplasie ematologiche
Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Ematologia Amgen

Sicurezza ed efficacia di Mosunetuzumab, un anticorpo bispecifico, nei pazienti con linfoma follicolare recidivante o refrattario


Mosunetuzumab ( Lunsumio ) è un anticorpo monoclonale bispecifico che coinvolge i linfociti T CD20 x CD3 e che reindirizza i linfociti T per eliminare i linfociti B maligni.
In uno studio di fase 1, Mosunetuzumab è risultato ben tollerato e attivo nei pazienti con linfoma a cellule B recidivante o refrattario.
Pertanto, sono state valutate la sicurezza e l'attività antitumorale di Mosunetuzumab a durata fissa nei pazienti con linfoma follicolare recidivante o refrattario che avevano ricevuto due o più terapie precedenti.

È stato condotto uno studio di fase 2 a braccio singolo, multicentrico, in 49 Centri in sette Paesi ( Australia, Canada, Germania, Corea del Sud, Spagna, Regno Unito e Stati Uniti ).
Tutti i pazienti erano di età pari o superiore a 18 anni con linfoma follicolare istologicamente confermato ( grado 1-3 ) e ECOG performance status di 0-1.

I pazienti avevano una malattia recidivante o refrattaria a due o più precedenti linee di trattamento, inclusa una terapia anti-CD20 e un agente alchilante.
Mosunetuzumab per via endovenosa è stato somministrato in cicli di 21 giorni con dosaggio graduale nel ciclo 1: 1 mg nel ciclo 1 al giorno 1, 2 mg nel ciclo 1 al giorno 8, 60 mg nel ciclo 1 al giorno 15 e nel ciclo 2 al giorno 1 e 30 mg al giorno 1 nel ciclo 3 e successivi.

I pazienti con una risposta completa mediante valutazione dello sperimentatore utilizzando i criteri dell’International Harmonisation Project hanno completato il trattamento dopo il ciclo 8, mentre i pazienti con una risposta parziale o una malattia stabile hanno continuato il trattamento per un massimo di 17 cicli.

L'endpoint primario era il tasso di risposta completa valutato dal Comitato di revisione indipendente [ IRC ] ( come migliore risposta ) in tutti i pazienti arruolati; l'analisi di efficacia primaria ha confrontato il tasso di risposta completa osservato valutato dall'IRC con un tasso di risposta completa del controllo storico del 14% in una popolazione di pazienti simile che riceveva il pan-inibitore PI3K di classe I Copanlisib.
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti arruolati.

Nel periodo 2019-2020, sono stati arruolati 90 pazienti. Alla data di cutoff dei dati nel 2021, il follow-up mediano era di 18.3 mesi.
Secondo la valutazione del Comitato di revisione indipendente, una risposta completa è stata registrata in 54 pazienti ( 60.0% ).

Il tasso di risposta completa osservato è risultato significativamente superiore al tasso di risposta completa del controllo storico con Copanlisib del 14% ( P minore di 0.0001 ), raggiungendo così l'endpoint primario dello studio.

La sindrome da rilascio di citochine è stata l'evento avverso più comune ( 40 su 90 pazienti, 44% ) ed è stata prevalentemente di grado 1 ( 23 su 90, 26% ) e di grado 2 ( 15, 17% ), e principalmente limitata al ciclo 1.

Gli eventi avversi di grado 3-4 più comuni sono stati neutropenia o diminuzione della conta dei neutrofili ( 24 su 90 pazienti, 27% ), ipofosfatemia ( 15, 17% ), iperglicemia ( 7, 8% ) e anemia ( 7, 8% ).
Eventi avversi gravi si sono verificati in 42 pazienti su 90 ( 47% ).
Non si sono verificati eventi avversi di grado 5 ( ossia fatali ) correlati al trattamento.

Mosunetuzumab a durata fissa ha un profilo di sicurezza favorevole e induce alti tassi di remissione completa, consentendo la potenziale somministrazione in regime ambulatoriale, nei pazienti con linfoma follicolare recidivante o refrattario e due o più terapie precedenti. ( Xagena2022 )

Budde LE et al, Lancet Oncology 2022; 23: 1055-1065

Emo2022 Onco2022 Farma2022



Indietro