Janssen Oncology
ELN 2018
Roche Ematologia
Ematobase.it

Ruxolitinib nei pazienti adulti con linfoistiocitosi emofagocitica secondaria


La linfoistiocitosi emofagocitica è una sindrome infiammatoria indotta da citochine associata a morbilità e mortalità.
La sopravvivenza globale nei pazienti adulti con linfoistiocitosi emofagocitica secondaria rimane non-ottimale e sono necessarie nuove strategie terapeutiche.
L'attivazione dipendente dalla fosforilazione delle chinasi della famiglia Janus JAK1 e JAK2 è il segno distintivo del percorso comune finale in questa malattia.

Sono state determinate l'attività e la sicurezza di Ruxolitinib ( Jakavi ), un inibitore di JAK, negli adulti con linfoistiocitosi emofagocitica secondaria.

È stato condotto uno studio pilota in aperto, in un singolo Centro, di Ruxolitinib negli adulti con linfoistiocitosi emofagocitica secondaria presso il Rogel Cancer Center dell'Università del Michigan ( Ann Arbor, MI, USA ).
Sono stati inclusi pazienti di età pari o superiore a 18 anni che soddisfacevano almeno cinque degli otto criteri HLH-2004 per la linfoistiocitosi emofagocitica.

Non è stata richiesta l'interruzione dei corticosteroidi per l'arruolamento in questo studio.
I pazienti hanno ricevuto Ruxolitinib per os ( 15 mg due volte al giorno ) con un ciclo continuo di 28 giorni o fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza globale a 2 mesi dalla prima dose di Ruxolitinib.
Gli endpoint secondari includevano la valutazione di eventi avversi, la risposta ( definita come la valutazione di tutti i segni quantificabili e le anomalie di laboratorio incluse nei criteri diagnostici per la linfoistiocitosi emofagocitica ) e i biomarcatori farmacodinamici.
Le analisi sono state condotte in tutti i pazienti trattati con dati disponibili.

A partire dal 2019 erano stati arruolati 5 pazienti. Il primo paziente è stato arruolato nel febbraio 2016.
Non sono stati registrati decessi, con un follow-up mediano di 490 giorni.

La sopravvivenza globale a 2 mesi è stata del 100%. Per quanto riguarda la risposta, in tutti e cinque i pazienti è stata osservata la risoluzione dei sintomi ( parziali o completi ) e le anomalie di laboratorio associate alla malattia.

Le citopenie sono migliorate in tutti i pazienti entro la prima settimana di trattamento, portando a indipendenza trasfusionale relativamente rapida, interruzione dei corticosteroidi e dimissione ospedaliera.
È stato riportato un singolo evento avverso grave ( cioè neutropenia febbrile di grado 4 ).
Un paziente ha interrotto il trattamento a causa del dolore alle estremità di grado 2 e non sono stati osservati decessi correlati al trattamento.

Dopo il trattamento sono stati osservati miglioramenti nei marcatori infiammatori ( Ferritina, recettore IL-2 solubile ) e attivazione delle cellule T e dei monociti ( riduzione della fosforilazione di STAT1 ).

Questi dati preliminari suggeriscono che Ruxolitinib è attivo, ben tollerato e gestibile in ambito ambulatoriale in pazienti con linfoistiocitosi emofagocitica secondaria.
Data la scarsità di terapie efficaci, non-mielosoppressive, questi risultati preliminari hanno importanti implicazioni terapeutiche per i pazienti con linfoistiocitosi emofagocitica e altre sindromi da rilascio di citochine e giustificano ulteriori indagini. ( Xagena2019 )

Ahmed A et al, Lancet Haematology 2019; 6: 630-637

Emo2019 Farma2019


Indietro