ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rituximab migliora la sopravvivenza libera da eventi nella leucemia linfoblastica acuta a cellule B


Sebbene gli inibitori della tirosin-chinasi siano tradizionalmente impiegati per il trattamento della leucemia linfoblastica acuta cromosoma Philadelphia positivo ( Ph+ ), l’uso degli anticorpi monoclonali in grado di agire in modo selettivo sugli antigeni cellulari di superficie ( ad esempio, CD19, CD20, CD22, CD33, CD52 ) è in crescita.
Rituximab ( MabThera ) è un anticorpo monoclonale che ha come bersaglio la proteina CD20 sui linfociti B.

Uno studio ha messo a confronto il braccio chemioterapia più Rituximab con il braccio controllo rappresentato dalla sola chemioterapia, nei pazienti con leucemia linfoblastica acuta a cellule B Ph-negativo, che esprimono l’antigene CD20.

Lo studio ha trovato un minor tasso di recidiva nel gruppo Rituximab. Tuttavia, questo non si è tradotto in una differenza significativa nella sopravvivenza generale tra i due bracci.

L’incidenza di eventi avversi è risultata simile tra la chemioterapia più Rituximab e la sola chemioterapia.

Allo studio hanno preso parte 209 adulti di età compresa tra 18 e 59 anni, arruolati presso 59 Centri francesi e 9 Centri svizzeri nel periodo 2006-2014.
I pazienti, che erano CD20-positivi e Ph-negativi, sono stati randomizzati a ricevere chemioterapia con o senza Rituximab ( n=105 vs n=104, rispettivamente ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi. Gli eventi sono stati definiti come: fallimento della induzione della remissione, recidiva, e morte.

Il follow-up mediano è stato di 30 mesi.

101 pazienti ( 48% ) hanno presentato almeno un evento: 44 ( 42% ) pazienti nel gruppo Rituximab e 57 ( 55% ) nel gruppo controllo.

I pazienti nel gruppo Rituximab hanno presentato periodi più lunghi senza evento, rispetto a quelli del gruppo solo chemioterapia ( hazard ratio, HR=0.66; IC 95%, 0.45-0.98; P=0.04 ).

La differenza nella sopravvivenza è stata in gran parte attribuita al più basso tasso di recidiva nel gruppo Rituximab, con un hazard ratio di 0.52 ( IC 95%, 0.31-0.89; P=0.02 ).

Non è stata riscontrata alcuna differenza nella sopravvivenza globale tra i due gruppi ( HR=0.7; IC 95%, 0.46-1.07; P=0.1 ).

In generale, sono stati osservati 246 eventi avversi gravi, senza alcuna differenza significativa tra i due gruppi ( P=0.72 ). ( Xagena2016 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro