ELN 2018
Roche
Ematobase.it
Janssen Oncology

Rituximab e chemioterapia dose dense per gli adulti con linfoma di Burkitt


Una chemioterapia breve ma intensiva ( dose dense ) è lo standard di cura per i pazienti adulti affetti da leucemia o linfoma di Burkitt. I risultati di studi a braccio singolo suggeriscono che l'aggiunta di Rituximab ( MabThera ) a questi regimi possa migliorare i risultati del paziente.
È stata esaminata questa possibilità in uno studio randomizzato.

Nello studio randomizzato, controllato, in aperto, di fase 3, sono stati reclutati pazienti di età superiore a 18 anni HIV-negativi con linfoma di Burkitt non-trattato ( inclusa la leucemia di Burkitt ) da 45 Centri ematologici in Francia.
I criteri di esclusione sono stati controindicazioni per ogni farmaco incluso nei regimi chemioterapici, qualsiasi comorbilità grave, ridotta funzione renale ( concentrazione di creatinina superiore a 150 micromol/l ) o epatica ( cirrosi o precedente epatite B o C ), gravidanza, e qualsiasi storia di tumore ad eccezione di tumori della pelle non-melanoma o carcinoma della cervice uterina in fase 0 ( in situ ).

I pazienti sono stati stratificati in due gruppi in base all'estensione della malattia ( assenza, gruppo B, o presenza, gruppo C, di coinvolgimento del midollo osseo o del sistema nervoso centrale ).

I pazienti sono stati ulteriormente stratificati nel gruppo C in base all'età ( meno di 40 anni, 40-60 anni e più di 60 anni ) e al coinvolgimento del sistema nervoso centrale.

I partecipanti sono stati assegnati in modo casuale in ogni gruppo alla somministrazione di Rituximab e chemioterapia ( linfoma maligno B ) o alla sola chemioterapia dal data center GELA ( Groupe d'Etude des Lymphomes de l'Adulte ).
La randomizzazione è stata stratificata per gruppo di trattamento e Centro.

È stato somministrato Rituximab ( 375 mg/m2 ) il giorno 1 e il giorno 6 durante i primi due cicli di chemioterapia ( totale 4 infusioni ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da eventi a 3 anni.

Tra il 2004 e il 2010, 260 pazienti sono stati casualmente assegnati a ricevere o a non-ricevere Rituximab ( gruppo B 124 pazienti, 64 senza Rituximab; 60 con Rituximab; gruppo C 136 pazienti, 66 senza Rituximab; 70 con Rituximab ).

A un follow-up mediano di 38 mesi, i pazienti del gruppo Rituximab hanno presentato una migliore sopravvivenza libera da eventi a 3 anni ( 75% ), rispetto a quelli senza Rituximab ( 62%; log-rank P stratificato per gruppo di trattamento=0.024 ).
L'hazard ratio ( HR ) stimato stratificando per gruppo di trattamento è stato pari a 0.59 per la sopravvivenza libera da eventi ( P=0.025 ).

Gli eventi avversi non differivano tra i due gruppi di trattamento.
Gli eventi avversi più comuni sono stati di natura infettiva ( grado 3-4 in 137 cicli di trattamento, 17%, nel gruppo Rituximab vs 115, 15%, nel gruppo senza Rituximab ) ed ematologici ( durata media della neutropenia di grado 4 di 3.31 giorni per ciclo vs 3.38 giorni per ciclo ).

L'aggiunta di Rituximab a un programma breve di chemioterapia intensiva migliora la sopravvivenza libera da eventi negli adulti affetti da leucemia o linfoma di Burkitt. ( Xagena2016 )

Ribrag V et al, Lancet 2016; 387: 2402-2411

Emo2016 Farma2016


Indietro