ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Rischio cardiovascolare preesistente e insufficienza cardiaca successiva tra i sopravvissuti a linfoma non-Hodgkin


L'uso della chemioterapia con antracicline è associato a insufficienza cardiaca tra i sopravvissuti al linfoma non-Hodgkin ( NHL ).
Si è cercato di determinare il contributo dei preesistenti fattori di rischio cardiovascolare al rischio di insufficienza cardiaca tra i sopravvissuti a linfoma non-Hodgkin.

Usando registri danesi, sono stati identificati gli adulti con diagnosi di linfoma non-Hodgkin aggressivo dal 2000 al 2010 e controlli dalla popolazione generale abbinati per sesso ed età.
È stata valutata l'insufficienza cardiaca da 9 mesi dopo la diagnosi fino al 2012 e sono state valutate le differenze di rischio di insufficienza cardiaca tra sopravvissuti e controlli generali della popolazione.

Tra i sopravvissuti sono stati accertati fattori cardiovascolari preesistenti ( ipertensione, dislipidemia e diabete mellito ) e malattie cardiovascolari preesistenti, ed è stata modellata l'associazione delle preesistenti condizioni cardiovascolari sulla successiva insufficienza cardiaca.

Tra i 2.508 sopravvissuti a linfoma non-Hodgkin e 7.399 controlli, c'è stato un aumento del 42% del rischio di insufficienza cardiaca tra i sopravvissuti rispetto ai controlli della popolazione generale ( hazard ratio, HR=1.42 ).

Tra i sopravvissuti ( età media alla diagnosi, 62 anni, 56% uomini ), 115 sono stati diagnosticati con scompenso cardiaco durante il follow-up ( anni mediani di follow-up, 2.5 ). 

Prima della diagnosi di linfoma non-Hodgkin, il 39% aveva uno o più fattori di rischio cardiovascolare; il 92% dei sopravvissuti è stato trattato con regimi contenenti antracicline.

Nell'analisi multivariata, la cardiopatia intrinseca diagnosticata prima del linfoma è stata associata a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca ( HR=2.71 ), mentre la preesistente malattia vascolare non ha avuto alcuna associazione con l'insufficienza cardiaca ( P maggiore di 0.05 ).

I sopravvissuti con fattori di rischio cardiovascolare hanno presentato un aumento del rischio di insufficienza cardiaca rispetto a quelli con nessun fattore di rischio ( per 1 vs 0 fattori di rischio cardiovascolare: HR=1.63; per 2 o più vs 0 fattori di rischio cardiovascolare: HR=2.86; P minore di 0.01 ).

In conclusione, in una vasta coorte di sopravvissuti a linfoma non-Hodgkin basata sulla popolazione, le preesistenti condizioni cardiovascolari sono state associate a un aumentato rischio di insufficienza cardiaca.
Gli approcci preventivi dovrebbero tenere conto della salute cardiovascolare di base. ( Xagena2017 )

Salz T et al, J Clin Oncol 2017; 35: 3837-3843

Onco2017 Emo2017 Cardio2017



Indietro