Janssen Oncology
ELN 2018
Roche
Ematobase.it

Polivy per il trattamento del linfoma diffuso a grandi cellule B recidivato / refrattario


Polatuzumab vedotin ( Polivy ) in combinazione con Bendamustina e Rituximab ( regime BR ) è stato approvato dalla Commissione europea per il trattamento dei pazienti con linfoma diffuso a grandi cellule B ( DLBCL ) recidivato / refrattario, non-candidati al trapianto di cellule staminali ematopoietiche.

Nello studio di fase Ib/II GO29365 è emerso che il 40% dei pazienti trattati con Polatuzumab vedotin ha raggiunto una risposta completa ( CR ) ( endpoint primario ), rispetto al 18% dei pazienti nel braccio solo regime Bendamustina e Rituximab ( P = 0.026 ).

L'aggiunta del coniugato anticorpo-farmaco ( ADC ) ha anche mostrato un miglioramento dell'endpoint esplorativo della sopravvivenza globale ( OS ), con una sopravvivenza OS mediana di 12.4 mesi rispetto a 4.7 mesi con il solo regime BR ( hazard ratio, HR=0.42; IC al 95%, 0.24-0.75; P = 0.0023 ).

I pazienti con linfoma DLBCL recidivante / refrattario e quelli non-idonei per il trapianto hanno opzioni di trattamento limitate e una prognosi sfavorevole.
CD79b è un componente del recettore delle cellule B ed è espresso in modo ubiquitario nel linfoma DLBCL.
Polatuzumab vedotin è un anticorpo anti-CD79b collegato a MMAE ( Monometil Auristatina E ), che distrugge i microtubuli.

I dati presentati al Congresso ASH 2018 hanno riguardato 6 pazienti della coorte di sicurezza, 27 della fase di espansione e 80 del confronto randomizzato di Bendamustina-Rituximab con o senza Polatuzumab vedotin.

L'età media tra le coorti variava da 65 a 71 anni; da due a tre quarti dei pazienti di ciascuna coorte aveva ricevuto due o più precedenti linee di terapia.
Inoltre, il 20% dei pazienti nello studio randomizzato era stato sottoposto a trapianto.

L'endpoint primario di risposta completa è stato determinato dalla revisione indipendente dell'imaging PET-CT alla fine del trattamento.
Gli endpoint secondari includevano la durata della risposta ( DoR ) e la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediante revisione indipendente.
Gli endpoint esplorativi includevano DOR e PFS, OS ed efficacia per cellula di origine e stato di doppia espressione MYC/BCL2.

Il follow-up mediano è stato di 37.6 mesi per la coorte di sicurezza, 27.0 mesi per la coorte di espansione e 22.3 mesi per il confronto randomizzato.

Tre dei 6 pazienti nella coorte di sicurezza hanno raggiunto risposta completa con il regime Polatuzumab vedotin-Bendamustina-Rituximab.
Non è stato possibile determinare DOR, PFS e OS.

Nella coorte di espansione, 11 pazienti ( 41% ) hanno presentato risposte obiettive.
Il DoR mediano, la PFS mediana e l'OS erano rispettivamente di 28.4 mesi, 5.4 mesi e 10.8 mesi.

Nella componente randomizzata di fase II della valutazione, 16 ( 40% ) pazienti hanno presentato risposta completa nel braccio Polatuzumab vedotin rispetto a 7 ( 18% ) pazienti che avevano ricevuto Bendamustina-Rituximab senza coniugato ADC ( P = 0.026 ).
Il DoR mediano alla revisione indipendente non era stato ancora raggiunto nel braccio Polatuzumab vedotin rispetto a 7.7 mesi nel braccio di controllo ( HR=0.40; IC al 95%, 0.16-1.101; P = 0.06262 ).
Secondo la valutazione dello sperimentatore, il DoR mediano è stato pari a 10.3 mesi con Polatuzumab vedotin contro 4.1 mesi senza ( HR=0.44; IC al 95%, 0.20-0.95; P = 0.0321 ).

La sopravvivenza PFS mediana con revisione indipendente è stata di 11.1 mesi con il coniugato ADC e 3.7 mesi senza ( HR=0.36; IC al 95%, 0.21-0.63; P = 0.0002 ).
Secondo la valutazione dello sperimentatore, i valori mediani erano 7.6 contro 2.0 mesi senza ( HR=0.34; 0.20-0.57; P inferiore a 0.0001 ).

La sopravvivenza PFS mediana secondo la valutazione dello sperimentatore e la sopravvivenza OS nel sottogruppo ABC ( cellule B attivate ) erano rispettivamente pari a 10.8 e 15.4 mesi, rispetto a 2.0 e 4.7 mesi senza Polatuzumab vedotin.
Il sottogruppo GBC ( cellule del centro germinale ) ha avuto esiti inferiori ma ha favorito il trattamento con il coniugato ADC: 2.5 versus 1.9 mesi per la PFS mediana e 7.2 vs 3.8 mesi per la OS.

L'analisi per stato di doppia espressione ha mostrato una sopravvivenza PFS mediana di 7.0 versus 1.4 mesi per il gruppo Polatuzumab vedotin tra i pazienti con doppia espressione e 6,2 versus 3.1 mesi per quelli senza.
La sopravvivenza OS era 8.9 versus 4.6 mesi per il sottogruppo doppia espressione e 10.0 versus 4.5 mesi per i pazienti senza.

Con il proseguimento del follow-up, non sono emersi nuovi segnali di sicurezza e i dati sulla sicurezza sono rimasti coerenti con i rapporti iniziali dello studio.

Gli eventi avversi più comuni di grado 3-4 nel complesso sono stati infezioni e citopenie. Mentre le percentuali di infezione e trasfusione erano simili con il solo regime BR o con l'aggiunta di Polatuzumab vedotin; le percentuali di citopenie di grado 3-4 sono risultate più elevate nel braccio coniugato ADC. ( Xagena2020 )

Fonte: EMA, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro