Roche
ELN 2018
Janssen Oncology
Ematobase.it

Monoterapia con Acalabrutinib nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenström


La chemioimmunoterapia è in genere lo standard di cura per i pazienti con macroglobulinemia di Waldenström; tuttavia, gli effetti tossici infettivi ed ematologici sono problematici.
Acalabrutinib ( Calquence ) è un inibitore selettivo e potente della tirosin-chinasi di Bruton ( BTK ).

Sono state valutate l'attività e la sicurezza di Acalabrutinib nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenström.

È stato condotto uno studio di fase 2 a braccio singolo, multicentrico, in 19 Centri accademici europei in Francia, Italia, Grecia, Paesi Bassi e Regno Unito e in 8 Centri accademici negli Stati Uniti.

I pazienti eleggibili avevano 18 anni o più e presentavano macroglobulinemia di Waldenström naive-al-trattamento ( rifiutato o non-idonei per la chemioimmunoterapia ) recidivante o refrattaria ( almeno una terapia precedente ) che richiedeva un trattamento, ECOG performance status di 2 o meno, e nessuna precedente terapia con inibitori della tirosina-chinasi di Bruton.

I pazienti hanno ricevuto 100 mg di Acalabrutinib orale due volte al giorno in cicli di 28 giorni fino a progressione della malattia o tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la risposta complessiva valutata dallo sperimentatore ( almeno una risposta minore ) secondo il sesto International Workshop for Waldenström Macroglobulinemia ( IWWM ) e i criteri modificati del terzo workshop IWWM.
L'esito primario e la sicurezza sono stati valutati in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di trattamento.

Tra il 2014 e il 2015, 122 pazienti sono stati valutati per l'idoneità, di cui 106 ( 87% ) sono stati trattati con Acalabrutinib ( 14 naive-al-trattamento e 92 con malattia recidivata o refrattaria ).

Con un follow-up mediano di 27.4 mesi, 13 ( 93% ) su 14 pazienti naive-al-trattamento hanno ottenuto una risposta globale e 86 ( 93% ) su 92 pazienti recidivati o refrattari per i criteri terzo IWWM modificati e sesto.

7 ( 50% ) pazienti su 14 naive-al-trattamento e 23 ( 25% ) su 92 pazienti recidivati o refrattari hanno interrotto il trattamento in studio.

Gli eventi avversi di grado 3-4 che si sono verificati in oltre il 5% dei pazienti sono stati neutropenia ( 17 su 106 pazienti, 16% ) e polmonite ( 7, 7% ).
La fibrillazione atriale di grado 3-4 si è verificata in un paziente ( 1% ) e l'emorragia di grado 3-4 si è verificata in 3 pazienti ( 3% ).

Gli eventi avversi gravi più comuni sono stati infezione del tratto respiratorio inferiore ( n=7, 7% ), polmonite ( n=7, 7% ), piressia ( n=4, 4% ), cellulite ( n=3, 3% ), cadute ( n=3, 3% ) e sepsi ( n=3, 3% ).
La polmonite ( n=5, 5% ) e l'infezione del tratto respiratorio inferiore ( n=4, 4% ) sono state considerate correlate al trattamento.
È stato riportato un decesso correlato al trattamento ( ematoma intracranico ).

Questo studio ha fornito evidenze del fatto che Acalabrutinib è attivo come terapia con un singolo agente con un profilo di sicurezza gestibile nei pazienti con macroglobulinemia di Waldenström naive-al-trattamento o recidivata o refrattaria.
Sono necessari ulteriori studi per stabilire la sua efficacia rispetto agli attuali trattamenti standard e per valutare se gli esiti possano essere migliorati con le terapie di combinazione. ( Xagena2020 )

Owen RG et al, Lancet Haematology 2020; 7: 112-121

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro