ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Leucemia linfatica cronica: il trattamento combinato Obinutuzumab e Venetoclax produce remissioni negative alla malattia minima residua


La combinazione dell'anticorpo anti-CD20 Obinutuzumab ( Gazyvaro ) e dell'inibitore Bcl-2 Venetoclax ( Venclyxto ) nella leucemia linfatica cronica ha mostrato un alto tasso di risposta globale ( ORR ).

Lo studio di fase 2, in aperto, in corso, ha esaminato i risultati di sei cicli di induzione, seguiti da un trattamento di mantenimento fino a 24 mesi con Obinutuzumab e Venetoclax, in 66 pazienti con leucemia linfatica cronica ( LLC ).
Dei 63 pazienti inclusi nell'analisi di efficacia, 34 ( 54% ) non erano mai stati trattati e 29 ( 46% ) avevano una malattia recidivata o refrattaria.

Dopo citoriduzione ( debulking ) iniziale con due cicli di Bendamustina, seguito dal trattamento con Obinutuzumab e Venetoclax, è stato osservato un tasso di risposta globale del 95%.
Alla fine della fase di induzione, tutti i pazienti naive-al-trattamento hanno risposto, così come il 90% dei pazienti con malattia recidivata o refrattaria.
Cinque pazienti hanno raggiunto la remissione completa e 55 pazienti hanno presentato una risposta parziale.

A 15 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) è stata del 100% tra i pazienti naive-al-trattamento, mentre la sopravvivenza libera da progressione è stata dell'83% e la sopravvivenza globale del 90% tra i pazienti recidivati o refrattari.

E' stata riscontrata una negatività per la malattia minima residua ( MRD ) nel sangue periferico nel 91% dei pazienti naive al trattamento e nell'83% dei pazienti recidivati o refrattari.

La combinazione di Venetoclax e Obinutuzumab è stata scelta sulla base di precedenti dati sperimentali, che hanno indicato una sinergia tra Venetoclax e l'anticorpo anti-CD20 Rituximab, meno potente rispetto a Obinutuzumab.

Dei 677 eventi avversi, 427 ( 63% ) sono stati considerati correlati al trattamento dello studio, e 69 di questi erano eventi avversi gravi.

Il più comune di questi erano infezioni, sperimentate da 4 pazienti durante la citoriduzione con Bendamustina e 18 casi in 11 pazienti durante il trattamento di induzione; includevano: la polmonite, la sepsi e l'infezione da citomegalovirus, così come la neutropenia e la trombocitopenia.

Sei pazienti hanno anche presentato reazioni correlate all'infusione, 4 hanno avuto disturbi alle arterie coronarice, uno durante la citoriduzione e tre durante l'induzione, e ci sono stati 3 casi di neoplasie.

Cinque pazienti nel gruppo recidivato o refrattario sono morti; tre di sepsi riguardavano il trattamento di studio e due di trasformazione di Richter non-correlata. ( Xagena2018 )

Fonte: Lancet Oncology, 2018

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro