ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

L'aggiunta di Daratumumab alla terapia standard aumenta la sopravvivenza libera da progressione nel mieloma multiplo


Precedenti studi con Daratumumab ( Darzalex ), un anticorpo monoclonale IgG che ha come target CD38, avevano mostrato un miglioramento dei tassi di risposta nei pazienti con mieloma multiplo recidivato o refrattario pre-trattati con Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone.

Alla luce di questi risultati, uno studio randomizzato ha valutato Daratumumab aggiunto a Lenalidomide e Desametasone, rispetto a Lenalidomide e Desametasone da soli.
I risultati hanno mostrato un significativo aumento della sopravvivenza libera da malattia, della risposta complessiva e della risposta completa o migliore nel gruppo Daratumumab, rispetto al gruppo terapia standard.

Si sono, tuttavia, manifestati più eventi avversi di grado 3 o 4 in termini di neutropenia nel gruppo Daratumumab, così come di reazioni correlate all'infusione, rispetto al gruppo di controllo.
Nessuno di questi eventi avversi è risultato associato a più alti tassi di mortalità o di cessazione del trattamento.

La principale limitazione dello studio, nonostante l’ampia casistica, è rappresentata dalla mancanza di dati a lungo termine.

Lo studio ha coinvolto 569 pazienti con mieloma multiplo, che avevano ricevuto un precedente trattamento con una o più linee di terapia.
Questi pazienti sono stati randomizzati a trattamento con Lenalidomide e Desametasone da soli ( gruppo controllo ) ( n=283 ) oppure alla combinazione con Daratumumab (gruppo Daratumumab ) ( n=286 ).

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione.

Al tempo mediano di follow-up di 13.5 mesi, sono stati riscontrati 169 eventi di progressione della malattia o eventi ad esito fatale, 53 ( 18.5% ) nel gruppo Daratumumab e 116 ( 41% ) nel gruppo controllo, per un hazard ratio ( HR ) di 0.37 ( IC 95%, 0.27-0.52, p inferiore a 0.001 ).

La sopravvivenza libera da progressione a 12 mesi è stata dell’83.2% ( IC 95%, 78.3-87.2 ) nel gruppo Daratumumab e del 60.1% ( IC 95%, 54-65.7 ) nel gruppo controllo.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato pari al 92% nel gruppo Daratumumab contro il 76.4% nel gruppo controllo ( p inferiore a 0.001 ).

Nel gruppo Daratumumab, il 51.9% dei pazienti ha presentato neutropenia di grado 3 o 4, contro il 37% nel gruppo controllo.
La trombocitopenia di grado 3 o 4 si è verificata nel 12.7% del gruppo Daratumumab e nel 13.5% nel gruppo controllo.
L'incidenza di reazione correlata all’infusione di qualsiasi grado associata a Daratumumab è stata del 47.7%. ( Xagena2016 )

Fonte: The New England Journal of Medicine, 2016

Emo2016 Onco2016 Farma2016


Indietro