Roche
ELN 2018
Janssen Oncology
Ematobase.it

La tripla terapia con Isatuximab migliora significativamente la sopravvivenza libera da progressione nel mieloma


Dallo studio di fase III ICARIA-MM è emerso che l'aggiunta di Isatuximab a Pomalidomide ( Imnovid; Pomalyst ) e Desametasone a basso dosaggio ha portato a una riduzione maggiore del 40% del rischio di progressione della malattia o di mortalità rispetto alla doppia terapia Pomalidomide e Desametasone ( Pd ) nei pazienti con mieloma multiplo recidivato / refrattario.

A un follow-up mediano di 11.6 mesi, la mediana di sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) secondo una revisione indipendente è stata di 11.53 mesi con il regime a base di Isatuximab rispetto a 6.47 mesi con Pomalidomide e Desametasone ( hazard ratio, HR=0.596, IC 95%, 0.44-0.81; P =0.001 ).

I dati di sopravvivenza globale ( OS ) non erano ancora maturi al momento dell'analisi, ma è stata osservata una tendenza verso un beneficio di sopravvivenza per il braccio Isatuximab ( HR=0.687, IC 95%, 0.461-1.023 ).
La sopravvivenza globale mediana non è stata raggiunta in nessuno dei due bracci. La percentuale di sopravvivenza globale a 1 anno è stata del 72% con la tripla terapia a base di Isatuximab rispetto al 63% con la doppia terapia.

Lo studio di fase III ICARIA-MM multicentrico, in aperto, ha coinvolto 307 pazienti con mieloma multiplo recidivato / refrattario che avevano ricevuto almeno due linee precedenti di trattamento, tra cui Lenalidomide e un inibitore del proteasoma.

Le caratteristiche del paziente erano ben bilanciate tra i due bracci. L'età media dei pazienti era di 67 anni ( range, 36-86 ) e i pazienti avevano ricevuto una mediana di tre ( range, 2-11 ) precedenti linee di terapia.
Complessivamente, il 92.5% dei pazienti era refrattario alla Lenalidomide, il 75.9% era refrattario all' inibitore del proteasoma e il 19.5% presentava citogenetica ad alto rischio.

Nel braccio Isatuximab, il 97.4% dei pazienti era refrattario all'ultima linea di terapia rispetto al 98.7% dei pazienti nel braccio solo Pomalidomide e Desametasone.
Nel gruppo Isatuximab, il 60.4% dei pazienti era refrattario alla Lenalidomide alla sua ultima linea, rispetto al 57.5% dei pazienti nel braccio di controllo.

Isatuximab è stato somministrato per via endovenosa ( IV ) a 10 mg/kg una volta a settimana per 4 settimane, seguito da un trattamento bisettimanale per cicli di 28 giorni in associazione alla terapia standard Pomalidomide e Desametasone per la durata della terapia.
C'erano 154 pazienti nel braccio Isatuximab ( tripla terapia )e 153 pazienti nel braccio di controllo ( doppia terapia ).
Il trattamento è continuato fino a progressione della malattia o a tossicità inaccettabile.

L'endpoint primario era la sopravvivenza senza progressione. Gli endpoint secondari chiave includevano il tasso di risposta generale ( ORR ) e la sopravvivenza globale.

La sopravvivenza libera da progressione secondo la valutazione del ricercatore era simile a quella della revisione indipendente.
I dati degli sperimentatori hanno mostrato una sopravvivenza mediana libera da progressione di 11.14 mesi con la tripla terapia di Isatuximab rispetto a 6.54 mesi per il gruppo duplice terapia ( HR=0.602, IC 95%, 0.444-0.816, P = 0.009 ).

Il beneficio della sopravvivenza libera da progressione è stato mantenuto in più sottogruppi di pazienti, compresi i pazienti ad alto rischio citogenetico ( HR=0.66, IC 95%, 0.33-1.28 ); pazienti refrattari a Lenalidomide ( HR=0.59, IC 95%, 0.43-0.82 ); pazienti refrattari a Lenalidomide alla precedente ultima linea ( HR=0.50; IC 95%, 0.34-0.76 ); pazienti refrattari a un inibitore del proteasoma ( HR=0.58; IC 95%, 0.41-0.82 ); e pazienti refrattari a Lenalidomide e a un inibitore del proteasoma ( HR=0.58, IC 95%, 0.40-0.84 ).

Il tasso di risposta obiettiva è stato del 60.4% nel braccio Isatuximab contro il 35.3% nel braccio doppia terapia ( P inferiore a 0.0001 ).
L'ORR nel gruppo Isatuximab comprendeva un tasso di risposta completa ( CR ) / un tasso CR stringente del 4.5%, un tasso di risposta parziale molto buono del 27.3% e un tasso di risposta parziale del 28.6%.
I numeri corrispondenti per il braccio di controllo erano, rispettivamente, pari a 2.0%, 6.5% e 26.8%.

Il tempo mediano alla prima risposta è stato di 35 giorni con la tripla terapia a base di Isatuximab rispetto a 58 giorni con la doppia terapia.
Il tasso di negatività MRD ( malattia minima residua ) è stato pari al 5.2% contro lo 0% con Isatuximab versus doppia terapia.

Il tempo mediano alla terapia successiva non è stato raggiunto nel braccio Isatuximab rispetto a 9.1 mesi nel braccio controllo ( HR=0.538, IC 95%, 0.382-0.758 ).
Sessanta pazienti nel gruppo Isatuximab e 83 pazienti nel gruppo doppia terapia hanno ricevuto la successiva terapia anti-mieloma.
Questi trattamenti includevano agenti alchilanti ( 66.7% dei pazienti nel braccio Isatuximab rispetto al 39.8% dei pazienti nel braccio duplice terapia ), inibitore del proteasoma ( 56.7% vs 47.0%, rispettivamente ), farmaci immunomodulatori IMiD ( 23.3% vs 22.9% ) e Daratumumab ( 10.0% vs 54.2% ).

La durata mediana del trattamento è stata di 41.0 settimane ( range 1.3-76.7 ) nel braccio Isatuximab rispetto a 24.0 settimane ( range, 1.0-73.7 ) nel braccio controllo.

Nel braccio Isatuximab, il 56.5% dei pazienti ha interrotto il trattamento rispetto al 74.5% dei pazienti nel braccio doppia terapia.
La progressione della malattia è stata la ragione principale per l'interruzione in entrambi i bracci.

Gli eventi avversi emergenti dal trattamento ( TEAE ) di grado 3 o superiore si sono verificati nell'86.8% del braccio Isatuximab contro il 70.5% del braccio controllo.
Le percentuali di gravi reazioni avverse sono state del 61.8% versus 53.7%.

La percentuale di interruzioni correlate alle reazioni avverse emergenti dal trattamento è stata del 7.2% con la tripla terapia con Isatuximab rispetto al 12.8% nel braccio controllo.
I decessi correlati ai TEAE si sono verificati rispettivamente nel 7.9% e nel 9.4% dei due bracci.

La polmonite di grado 4 si è verificata nell'1.3% dei pazienti in ciascun braccio. I tre più comuni TEAE di grado 3 nel braccio Isatuximab erano la polmonite ( 15.1% vs 13.4% nel braccio doppia terapia ), affaticamento ( 3.9% vs 0%, rispettivamente ), dispnea ( 3.9% vs 1.3% ), infezione del tratto respiratorio superiore ( 3.3% vs 0.7% ), astenia ( 3.3% vs 2.7% ), bronchite ( 3.3% vs 0.7% ), diarrea ( 2.0% vs 0.7% ) e mal di schiena ( 2.0% vs 1.3% ). ( Xagena2019 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Annual Meeting, 2019

Emo2019 Onco2019 Farma2019


Indietro