ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

La monoterapia con Ibrutinib può migliorare la sopravvivenza nella leucemia linfatica cronica con delezione p17


Ibrutinib ( Imbruvica ) in monoterapia prolunga la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) e la sopravvivenza globale ( OS ) tra i pazienti con leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico ( CLL / SLL ) con delezione 17p del(17p).

La leucemia linfatica cronica / piccolo linfoma linfocitico è caratterizzata da del(17p), un'anomalia citogenetica che si sviluppa nel corso della malattia; è difficile da trattare e risponde molto male alla chemoimmunoterapia.
I dati di studi precedenti hanno mostrato che Ibrutinib può migliorare gli esiti di sopravvivenza in questa popolazione di pazienti.

In una analisi retrospettiva, sono stati valutati gli esiti di pazienti con leucemia linfatica cronica del(17p), recidivata / resistente ( R/R ), precedentemente arruolati in 3 studi clinici che hanno valutato l'efficacia di Ibrutinib da solo.
Nell'analisi sono stati inclusi in totale 230 pazienti; tutti i partecipanti hanno ricevuto Ibrutinib 420 mg una volta al giorno e avevano uno stato del(17p) valutato mediante saggi di ibridazione fluorescente in situ ( FISH ).

Dopo un follow-up mediano di 28 mesi, 108 pazienti ( 47% ) sono rimasti in trattamento. I risultati hanno mostrato che il tasso di risposta globale ( ORR ) è stato dell'85%, con il 10%, il 3%, il 67% e il 6% dei pazienti, rispettivamente, che hanno raggiunto una risposta completa con o senza recupero incompleto del midollo osseo ( CR/CRi ), risposta linfonodale parziale, parziale risposta ( PR ) e parziale risposta con linfocitosi ( PR-L ).

Un'analisi multivariata ha dimostrato che il tasso di risposta globale è stato simile tra i partecipanti indipendentemente da tutti i fattori di rischio, ad eccezione dell'età avanzata. Il tasso di sopravvivenza libero da progressione ( PFS ) stimato a 30 mesi è stato del 57% e la percentuale di sopravvivenza globale ( OS ) è stata del 69%.

I fattori associati a esiti di sopravvivenza più favorevoli sono stati valori normali di lattato deidrogenasi e nessuna malattia bulky.

Miglioramenti ematologici per l'emoglobina, la conta piastrinica e la conta assoluta dei neutrofili si sono verificati rispettivamente nel 61%, 67% e 70% dei pazienti con citopenia basale e sono risultati sostenibili.

Il tasso di nuova insorgenza di infezioni e di citopenia grave è diminuito nel tempo.

I risultati dell’analisi supportano ulteriormente la conclusione che Ibrutinib è tra i trattamenti più efficaci per i pazienti con leucemia linfatica cronica del(17p), con stime di sopravvivenza a 30 mesi che superano altre terapie disponibili. ( Xagena2018 )

Fonte: British Journal of Haematology, 2018

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro