Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Passamonti Neoplasie ematologiche
Ematologia Amgen

Ixazomib, Daratumumab e Desametasone a basso dosaggio nei pazienti fragili con mieloma multiplo di nuova diagnosi: studio Hovon 143


I pazienti fragili con mieloma multiplo di nuova diagnosi hanno un esito inferiore, principalmente a causa di un alto tasso di interruzione a causa della tossicità.
È stato progettato uno studio di fase II specifico per i pazienti fragili, valutando l'efficacia e la tollerabilità della combinazione Ixazomib ( Ninlaro ), Daratumumab ( Darzalex ) e Desametasone a bassa dose ( Ixa-Dara-Dex ).

Sono stati trattati 65 pazienti, che erano fragili secondo l'indice di fragilità dell'International Myeloma Working Group, con 9 cicli di induzione con il regime Ixa-Dara-Dex seguiti da mantenimento con Ixa-Dara per un massimo di 2 anni.

Il tasso di risposta globale ( ORR ) alla terapia di induzione è stato del 78%. Dopo un follow-up mediano di 22.9 mesi, la sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) mediana è stata di 13.8 mesi e la sopravvivenza globale ( OS ) a 12 mesi è stata del 78%.

La sopravvivenza senza progressione e la sopravvivenza globale ( valori mediani ) a 12 mesi sono state 21.6 mesi e 92% nei pazienti fragili in base all'età superiore a 80 anni, rispetto a 13.8 mesi e 78% e 10.1 mesi e 70% nei pazienti fragili in base a parametri di fragilità aggiuntivi inferiore o uguale a 80 anni o superiore a 80 anni, rispettivamente.

Nel 51% dei pazienti la terapia di induzione ha dovuto essere interrotta prematuramente, di cui nel 6% dei casi per mancata compliance al trattamento in studio, nel 9% per tossicità e nel 9% per decesso ( 8% entro 2 mesi, di cui 80% per tossicità ). La qualità di vita è migliorata durante il trattamento di induzione, essendo clinicamente significativa già dopo tre cicli di induzione.

Il regime Ixa-Dara-Dex è correlato a un alto tasso di risposta e a una migliore qualità di vita.
Tuttavia, l'interruzione del trattamento a causa della tossicità e della mortalità precoce, che influenzano negativamente la sopravvivenza libera da progressione e la sopravvivenza globale, rimane una preoccupazione nei pazienti fragili.
L’esito è stato eterogeneo tra le sottopopolazioni fragili.

Questo dato dovrebbe essere preso in considerazione nella progettazione e nell'interpretazione di futuri studi su pazienti fragili. ( Xagena2021 )

Stege CAM et al, J Clin Oncol 2021; 39: 2758-2767

Emo2021 Onco2021 Farma2021


Indietro