Celgene Ematologia
GSK Ematologia
Janssen Oncology
Ematologia Amgen

Infusione sequenziale di cellule dendritiche da donatore con infusione di linfociti del donatore per recidiva di tumori ematologici dopo trapianto allogenico di cellule staminali emopoietiche


L’infusione di linfociti da donatore ( DLI ) è spesso praticata per indurre un effetto trapianto-versus-leucemia ( GVL ) dopo trapianto allogenico di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ).
Tuttavia, l'efficacia della infusione di linfociti da donatore è limitata in molti tumori ematologici.

Come cellule presentanti l'antigene, le cellule dendritiche ( DC ) rafforzano le risposte immunitarie.
È stato condotto uno studio di fase I per testare la coinfusione di cellule dendritiche seguite da infusione di linfociti da donatore.

Le cellule dendritiche sono state generate dalla coltura di cellule mononucleari del sangue periferico da donatore HLA-abbinato in GM-CSF [ fattore di crescita stimolante la formazione di colonie granulocitiche macrofagiche ] e IL-4 [ interleuchina-4 ] per 7 giorni, seguiti da TNF-alfa [ fattore di necrosi tumorale ] per 3 giorni.

Le cellule dendritiche sono state somministrate per via endovenosa a 3 livelli di dosaggio ( 5 x 106; 1 x 107; 5 x 107 cellule ).
L’infusione di linfociti da donatore ( 3 x 107 cellule CD3+/kg ) è stata somministrata per via endovenosa 1 giorno dopo le cellule dendritiche.

Sono stati trattati 16 pazienti con tumori ematologici recidivati dopo il trapianto.
Una dose massima tollerata di cellule dendritiche non è stata raggiunta.

Due dei 16 pazienti hanno incontrato i criteri per la tossicità dose-limitante ( DLT ) entro 10 settimane dall’infusione: 1 insufficienza respiratoria idiopatica, 1 arresto cardiaco ventricolare.
Nessuno ha sviluppato malattia del trapianto contro l’ospite ( GVHD ) di grado III/IV.

Un paziente ha sviluppato GVHD acuta intestinale di grado II e uno ha sviluppato GVHD cronica entro 6 mesi dall'infusione.
Entrambe si sono risolte con corticosteroidi.

Quattro dei 14 pazienti valutabili per la risposta della malattia hanno raggiunto remissione duratura e sono vivi e liberi dal cancro a 6.7, 8.4, 8.8 e 10.1 anni dall’infusione.

L’infusione sequenziale di cellule dendritiche derivate da donatore con infusione da linfociti da donatore è fattibile nei pazienti con tumori ematologici recidivati dopo trapianto allogenico.
Studi futuri potrebbero prendere in esame le cellule dendritiche del donatore precaricate con antigeni tumorali per indagare se l’infusione di cellule dendritiche possa aumentare l'effetto trapianto-versus-leucemia. ( Xagena2014 )

Ho VT et al, Am J Hematol 2014;89:1092-1096

Emo2014



Indietro