Janssen Oncology
ELN 2018
Roche
Ematobase.it

Il regime a base di Selinexor una volta a settimana prolunga la sopravvivenza libera da progressione nel mieloma multiplo pretrattato


Selinexor, Bortezomib e Desametasone, una volta a settimana, hanno migliorato gli esiti rispetto a Bortezomib e Desametasone, due volte a settimana, nel mieloma multiplo pretrattato.
I risultati dello studio randomizzato di fase 3 BOSTON hanno mostrato una sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) prolungata e un tasso di risposta obiettiva ( ORR ) più elevato nel gruppo sperimentale.

Bortezomib ( Velcade ) due volte a settimana è efficace nell'ambito della terapia di associazione; tuttavia, dal 50% al 60% dei pazienti sviluppa neuropatia periferica, limitando la capacità di impiego del farmaco per periodi prolungati.

Selinexor ( Xpovio ) è un inibitore selettivo orale dell'esportazione nucleare ( SINE ). Il farmaco si lega e inibisce la proteina di esportazione nucleare XPO1, portando all'accumulo di proteine in grado di sopprimere il tumore nel nucleo cellulare.

Selinexor è approvato negli Stati Uniti per il trattamento di adulti con mieloma multiplo recidivante o refrattario che hanno ricevuto almeno quattro terapie precedenti e la cui malattia è refrattaria ad almeno due inibitori del proteasoma, almeno due agenti immunomodulatori e un anticorpo monoclonale anti-CD38.

Uno studio di fase 1b/2 che ha valutato l'aggiunta di Selinexor una volta a settimana a Bortezomib e Desametasone ha mostrato che la combinazione era ben tollerata e ha mostrato attività anti-mieloma tra i pazienti con malattia sensibile agli inibitori del proteasoma e refrattaria.

Lo studio BOSTON, multicentrico, in aperto, ha valutato se Selinexor, Bortezomib e Desametasone, una volta a settimana, fosse in grado di migliorare la sopravvivenza libera da progressione e il tasso di risposta obiettiva riducendo la neuropatia periferica rispetto al regime Bortezomib più Desametasone due volte a settimana per i pazienti che avevano ricevuto da uno a tre precedenti regimi anti-mieloma.

L'analisi ha incluso 402 pazienti ( età media, 67 anni; intervallo, 38-90; 59.6% di età superiore ai 65 anni; 57.1% di uomini ). La maggior parte ( 81.5% ) presentava malattia di stadio I o II R-ISS ( Revised International Staging System ).

I ricercatori hanno assegnato in modo random i pazienti a uno dei due regimi.

I 195 pazienti nel gruppo sperimentale hanno ricevuto Selinexor orale una volta a settimana alla dose di 100 mg, Bortezomib una volta a settimana somministrato per via sottocutanea alla dose di 1.3 mg/m2 e Desametasone a basso dosaggio ( 40 mg a settimana ).
I 207 pazienti nel gruppo controllo hanno ricevuto un regime standard di Bortezomib due volte a settimana più Desametasone a basso dosaggio.

I gruppi di trattamento erano ben bilanciati per quanto riguarda le caratteristiche di base.
Il protocollo di studio ha permesso ai pazienti nel gruppo controllo con progressione della malattia di passare al regime sperimentale o di ricevere solo Selinexor e Desametasone se non-tolleravano Bortezomib.

L'endpoint primario era rappresentato dalla sopravvivenza libera da progressione. Gli endpoint secondari includevano il tasso di risposta obiettiva, la sopravvivenza globale e la neuropatia periferica.

E' stato riportato un miglioramento significativo della sopravvivenza PFS ( mediana, 13.93 mesi versus 9.46 mesi; hazard ratio, HR = 0.7; P = 0.0066 ) e un tasso ORR significativamente più elevato ( 76.4% vs 62.3%; P = 0.0012 ) tra i pazienti assegnati a Selinexor una volta a settimana, Bortezomib e Desametasone.
La sopravvivenza OS mediana non è stata raggiunta nel gruppo sperimentale ed era di 25 mesi tra i pazienti assegnati a Bortezomib e Desametasone due volte a settimana, sebbene la differenza non raggiungesse un significato statistico.

Una percentuale più elevata di pazienti assegnati al regime una volta a settimana ha manifestato trombocitopenia di grado 3 o superiore ( 35.9% vs 15.2% ), affaticamento ( 11.3% vs 0.5% ) e nausea ( 7.7% vs 0% ).

Sono state riportate differenze clinicamente importanti alla scala motoria, autonomica e sensoriale nel questionario EORTC QLQ-CIPN20 nel gruppo sperimentale; i tassi di neuropatia periferica di grado 2 o superiore erano significativamente più bassi tra i pazienti assegnati al regime a base di Selinexor ( 21% vs 34.3 %; P = 0.0013 ). ( Xagena2020 )

Fonte: ASCO ( American Society of Clinical Oncology ) Virtual Meeting, 2020

Emo2020 Onco2020 Farma2020


Indietro