ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Enasidenib in monoterapia può essere efficace nei pazienti anziani con leucemia mieloide acuta IDH2-mutata


Enasidenib ( Idhifa ) in monoterapia porta a esiti positivi e durevoli tra i pazienti più anziani non precedentemente trattati con leucemia mieloide acuta ( AML ) IDH2-mutata ( mIDH2 ) che non sono candidati per la terapia standard.

Evidenze da studi precedenti hanno dimostrato che Enasidenib, un inibitore orale di proteine mIDH2, porta a buoni tassi di risposta generale ( ORR ) e sopravvivenza globale ( OS ) tra i pazienti con leucemia mieloide acuta recidivante / refrattaria.

È stata valutata l'efficacia di Enasidenib tra i pazienti più anziani con leucemia mieloide acuta non-trattata, una popolazione che è associata a esiti terapeutici sfavorevoli.

  In uno studio di fase 1-2, in aperto, sono stati arruolati 345 pazienti di età pari o superiore a 60 anni con leucemia mieloide acuta.
I pazienti sono stati assegnati allo studio di aumento graduale della dose di fase 1 in cui hanno ricevuto Enasidenib 50 mg/die fino a 650 mg/die.

Tutti i pazienti nell'espansione di fase 1 e nello studio di fase 2 hanno ricevuto Enasidenib 100 mg al giorno in cicli di 28 giorni consecutivi.

L'età media dei partecipanti era di 77 anni, il 26% aveva una citogenetica a rischio basso secondo il National Comprehensive Cancer Network ( NCCN ) e il 56% aveva un disturbo ematologico antecedente.

Complessivamente, 39 pazienti presentavano leucemia mieloide acuta mIDH2 non-trattata e sono stati valutabili per questa analisi.

Il tasso di risposta obiettiva ( ORR ) è stato del 30.8%, di cui il 18% dei pazienti ( 7 ) ha ottenuto una risposta completa ( CR ) e il 5% ( 2 ) ha ottenuto una risposta parziale; la durata mediana stimata di risposta completa o qualsiasi altra risposta non è stata raggiunta.

Il tempo alla prima risposta è stato di 1.9 mesi e la risposta migliore è stata di 3.7 mesi.
Malattia stabile è stata osservata nel 49% dei pazienti ( 19 ) e la progressione della malattia è stata osservata in 1 paziente.

Dopo un follow up mediano di 8.4 mesi, la sopravvivenza globale ( OS ) mediana è stata di 11.3 mesi con una sopravvivenza libera da eventi mediana di 5.7 mesi.
La sopravvivenza globale mediana tra i responder non era valutabile.

Gli eventi avversi osservati più frequentemente hanno incluso affaticamento, diminuzione dell'appetito, nausea e costipazione; gli eventi avversi correlati al trattamento più frequentemente riportati sono stati iperbilirubinemia e nausea.
Gli eventi avversi gravi sono stati la sindrome di differenziazione IDH e la sindrome da lisi tumorale, che si sono verificati rispettivamente in 5 e 2 pazienti. 

I risultati hanno indicato che Enasidenib può essere di beneficio agli anziani con leucemia mieloide acuta mIDH2 che non sono adatti a ricevere regimi citotossici. ( Xagena2018 )

Fonte: 23rd Annual Congress of European Hematology Association ( EHA ), 2018

Onco2018 Emo2018 Farma2018


Indietro