ELN 2018
Roche Ematologia
Janssen Oncology
Ematobase.it

Eltrombopag versus placebo nelle sindromi mielodisplastiche a basso rischio con trombocitopenia


Nelle sindromi mielodisplastiche, la trombocitopenia è associata alla mortalità, ma i trattamenti in questo contesto sono scarsi
Si è determinato se Eltrombopag ( Revolade ), un agonista del recettore della trombopoietina, possa essere efficace nel migliorare la trombocitopenia nelle sindromi mielodisplastiche a basso rischio e nella trombocitopenia grave.

EQoL-MDS è uno studio clinico di fase 2, in doppio cieco, randomizzato, controllato, di superiorità, effettuato nei pazienti adulti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio o a rischio intermedio-1 alla scala IPSS ( International Prognostic Scoring System ) e grave trombocitopenia.

I pazienti con una conta piastrinica stabile inferiore a 30 x 109 piastrine per litro, di almeno 18 anni di età, con refrattarietà, ineleggibilità a ricevere trattamenti con farmaci alternativi, o recidiva durante il trattamento con farmaci alternativi sono stati inclusi nello studio.
I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Eltrombopag ( da 50 mg a 300 mg ) o placebo per almeno 24 settimane e fino alla progressione della malattia.

Sono stati riportati i risultati nella popolazione intention-to-treat della prima fase dello studio, per la quale gli endpoint primari erano la percentuale di pazienti che raggiungevano una risposta piastrinica entro 24 settimane e la sicurezza.

La durata dell'indipendenza dalla trasfusione piastrinica, la durata della risposta, la sopravvivenza globale, la sopravvivenza libera da leucemia e la farmacocinetica saranno riportate alla fine della seconda fase dello studio.

Tra il 2011 e il 2016, sono stati registrati 90 partecipanti per la prima fase dello studio
Il tempo medio di follow-up per valutare le risposte piastriniche è stato di 11 settimane.

Risposte piastriniche si sono verificate in 28 ( 47% ) su 59 pazienti nel gruppo Eltrombopag rispetto a uno ( 3% ) su 31 pazienti nel gruppo placebo ( odds ratio, OR=27.1, P=0.0017 ). 

Durante il follow-up, 21 pazienti hanno presentato almeno un evento di sanguinamento grave ( punteggio di sanguinamento WHO maggiore o uguale a 2 ).

C'è stato un numero maggiore di sanguinamenti nel braccio placebo ( 13 su 31 pazienti, 42% ) rispetto al braccio Eltrombopag ( 8 su 59 pazienti, 14%, P=0.0025 ).
52 eventi avversi di grado 3-4 si sono verificati in 27 ( 46% ) pazienti su 59 nel gruppo Eltrombopag rispetto a 9 eventi in 5 ( 16% ) su 31 pazienti nel gruppo placebo ( X2=7.8, P=0.0053, regola di arresto non-raggiunta ).

L'esito di evoluzione della leucemia mieloide acuta o progressione della malattia si è verificato in 7 ( 12% ) su 59 pazienti nel gruppo Eltrombopag rispetto a 5 ( 16% ) su 31 pazienti nel gruppo placebo ( X2=0.06, P=0.81 ).

Eltrombopag è risultato ben tollerato nei pazienti con sindromi mielodisplastiche a basso rischio e trombocitopenia grave ed è clinicamente efficace nell'aumentare la conta piastrinica e nel ridurre gli eventi emorragici.
La valutazione della sicurezza a lungo termine e dell'efficacia di Eltrombopag e dei suoi effetti sulla sopravvivenza ( seconda fase dello studio ) è ancora in corso. ( Xagena2017 )

Oliva EN et al, Lancet Haematology 2017; 4; 127-136

Emo2017 Onco2017 Farma2017


Indietro