ELN 2018
Ematobase.it
Xagena Mappa
Medical Meeting

Elotuzumab in combinazione con Lenalidomide e Desametasone in pazienti con mieloma multiplo recidivato


Elotuzumab ( Empliciti ), un anticorpo monoclonale immunostimolante mirato al membro 7 della famiglia molecolare di segnalazione di attivazione linfocitaria ( SLAMF7 ), uccide selettivamente le cellule del mieloma che esprimono SLAMF7 attraverso l'attivazione diretta e il coinvolgimento del sistema immunitario innato, e dunque, potrebbe apportare un beneficio clinico nel trattamento del mieloma.

Nella fase 1 di uno studio di fase 1b-2, l’82% dei pazienti con mieloma multiplo recidivato che ha ricevuto Elotuzumab più Lenalidomide ( Revlimid ) e Desametasone ha raggiunto una risposta globale.

Sono stati riportati i risultati finali di fase 2.

Lo studio randomizzato, multicentrico, in-aperto, di aumento graduale della dose, è stato effettuato presso 17 ospedali di Stati Uniti, Canada, Francia e Germania.

I pazienti di età uguale o superiore a 18 anni con mieloma multiplo recidivato confermato, performance status ECOG 0-2, e una di tre precedenti terapie, ma senza precedente Lenalidomide, sono stati considerati eleggibili per la fase 2.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a 10 o a 20 mg/kg di Elotuzumab per via endovenosa più Lenalidomide ( 25 mg ) e Desametasone ( 40 mg ) per os.

I pazienti sono stati stratificati sulla base del numero di precedenti terapie ( 1 rispetto a 2 o 3 ) e stato di precedente trattamento con farmaci immunomodulatori ( sì o no ).

Il trattamento è stato somministrato in cicli di 28 giorni fino a quando si sono verificati progressione della malattia o effetti tossici inaccettabili ( Elotuzumab è stato somministrato nei giorni 1, 8, 15 e 22 per i cicli da 1 a 2 e nei giorni 1 e 15 per i cicli successivi; Lenalidomide è stata somministra nei giorni 1-21 e Desametasone una volta a settimana ).

L'endpoint primario era la percentuale di pazienti che hanno raggiunto una risposta oggettiva secondo i criteri IMWG ( International Myeloma Working Group ).

Le analisi primarie sono state effettuate nella popolazione intention-to-treat, e la sicurezza è stata analizzata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose dei farmaci in studio.

Nel 2010 sono stati reclutati e assegnati in modo casuale 73 pazienti a Elotuzumab ( 36 a 10 mg/kg, 37 a 20 mg/kg ).
Al cutoff dei dati nel 2014, 13 pazienti erano in trattamento ( 6 a 10 mg/kg, 7 a 20 mg/kg ).

Un totale di 61 pazienti ( 84% ) ha raggiunto una risposta obiettiva ( 33 [ 92% ] con 10 mg/kg, 28 [ 76% ] con 20 mg/kg ); 31 ( 42% ) una risposta parziale molto buona ( 17 [ 47% ] con 10 mg/kg, 14 [ 38% ] con 20 mg/kg ); 20 ( 27% ) una risposta parziale ( 10 [ 28% ] con 10 mg/kg, 10 [ 27% ] con 20 mg/kg ).

I più comuni eventi avversi emergenti di qualsiasi grado sono stati diarrea ( 48, 66% ), spasmi muscolari ( 45, 62% ), e fatica ( 41, 56% ).
57 pazienti ( 78% ) hanno presentato eventi avversi di grado 3-4; i più comuni sono stati: linfopenia ( 15, 21% ) e neutropenia ( 14, 19% ).
Si sono verificati 3 decessi, nessuno relativo ai farmaci in studio.

Elotuzumab combinato con Lenalidomide e Desametasone in pazienti con mieloma multiplo recidivato ha mostrato sicurezza accettabile ed efficacia che è sembrata migliore di quella indicata in precedenza con Lenalidomide e Desametasone da soli. ( Xagena2015 )

Richardson PG et al, Lancet 2015; 2: e516-e527

Emo2015 Onco2015 Farma2015


Indietro