Arcaini Ematologia
Bringhen - Mieloma
Passamonti Neoplasie ematologiche
Janssen Oncology

Consolidamento di Venetoclax dopo Venetoclax a durata fissa più Obinutuzumab per la leucemia linfatica cronica non precedentemente trattata: studio HOVON 139/GiVe


Il trattamento di prima linea per i pazienti con leucemia linfatica cronica consiste in 12 cicli a durata fissa di Venetoclax ( Venclyxto ) più Obinutuzumab ( Gazyvaro ).

Sono state determinate l'attività e la sicurezza di 12 cicli di consolidamento di Venetoclax dopo Venetoclax a durata fissa più Obinutuzumab per pazienti con leucemia linfatica cronica non precedentemente trattati che non erano idonei al trattamento a base di Fludarabina, e se questo potesse essere guidato dallo stato di malattia minima residua.

È stato condotto uno studio di fase 2 in aperto, randomizzato, a gruppi paralleli ( HOVON 139/GiVe ) in 25 ospedali nei Paesi Bassi.
I pazienti idonei erano di età pari o superiore a 18 anni con leucemia linfatica cronica non-trattata in precedenza, avevano un ECOG performance status di 0-2 e non erano idonei al trattamento a base di Fludarabina.

Tutti i pazienti hanno ricevuto due cicli di debulking di Obinutuzumab per via endovenosa ( 100 mg il giorno 1, 900 mg il giorno 2 e 1.000 mg i giorni 8, 15 e il giorno 1 del secondo ciclo ), seguiti da Venetoclax a durata fissa più Obinutuzumab per 12 cicli ( 6 cicli di Obinutuzumab per via endovenosa 1.000 mg al giorno 1 e 12 durante cicli di 28 giorni di Venetoclax orale, iniziando con un aumento di 5 settimane e poi 400 mg una volta al giorno fino al completamento del ciclo 12 ).

I pazienti sono stati quindi assegnati in modo casuale in base allo stato di malattia residua minima nel sangue periferico a ricevere 12 cicli di consolidamento di Venetoclax indipendentemente dalla malattia minima residua o di consolidamento con Venetoclax solo se alla randomizzazione era stata rilevata una malattia minima residua.

L'endpoint primario era una malattia minima residua non-rilevabile nel midollo osseo e nessuna malattia progressiva 3 mesi dopo la fine del trattamento di consolidamento ( o momento temporale corrispondente ) per intention-to-treat ( ITT ).
La sicurezza è stata valutata in tutti i pazienti che hanno ricevuto almeno una dose di qualsiasi farmaco in studio.

Tra il 2016 e il 2018 sono stati arruolati 70 pazienti, di cui 67 ( 47 uomini, 70%, e 20 donne, 30% ) hanno ricevuto un trattamento a durata fissa e 62 sono stati assegnati in modo casuale a ricevere 12 cicli di consolidamento con Venetoclax ( n=32 ) o consolidamento con Venetoclax guidato dalla malattia minima residua ( n=30; uno dei quali era positivo alla malattia minima residua alla randomizzazione ).

Il follow-up mediano è stato di 35.2 mesi. 16 pazienti su 32 ( 50% ) nel gruppo di consolidamento e 16 su 30 ( 53% ) nel gruppo di consolidamento guidato dalla malattia minima residua hanno raggiunto l'endpoint primario di malattia minima residua non-rilevabile del midollo osseo e nessuna malattia progressiva.

In tutto 22 pazienti su 32 ( 69% ) nel gruppo di consolidamento con Venetoclax e 11 su 30 ( 37% ) nel gruppo di consolidamento guidato dalla malattia minima residua hanno manifestato eventi avversi ( grado 2-4; principalmente infezioni ).

Gli eventi avversi più comuni di grado 3 o maggiore sono stati l'infezione ( 2 su 32 pazienti, 6%, nel gruppo di consolidamento e 1 su 30, 3%, nel gruppo di consolidamento guidato dalla malattia minima residua ) e neutropenia ( 2, 6%, e 2, 7% ).
Non ci sono stati decessi correlati al trattamento.

Il consolidamento con il trattamento a 12 cicli di Venetoclax aumenta la durata degli effetti collaterali noti e non previene la perdita della risposta alla malattia minima residua e il conseguente rischio di recidiva della malattia. ( Xagena2022 )

Kersting S et al, Lancet Haematology 2022; 9: 190-199

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro