Passamonti Neoplasie ematologiche
Bringhen - Mieloma
Arcaini Ematologia
Janssen Oncology

Aggiunta di Elotuzumab a Lenalidomide e Desametasone per i pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi, non-idoneo al trapianto: studio ELOQUENT-1


Elotuzumab ( Empliciti ) più Lenalidomide e Desametasone ha mostrato un miglioramento della sopravvivenza globale ( OS ) e della sopravvivenza libera da progressione ( PFS ) rispetto alla sola associazione Lenalidomide e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo recidivante o refrattario.
Sono stati valutati questi regimi in pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non sono idonei al trapianto di cellule staminali ematopoietiche ( HSCT ).

ELOQUENT-1 è uno studio in aperto, multicentrico, randomizzato, di fase 3 condotto in 185 Centri in 19 Paesi.
I pazienti eleggibili erano di età pari o superiore a 18 anni con mieloma sintomatico di nuova diagnosi, non-trattato e non-candidati a terapia ad alte dosi più trapianto HSCT e un ECOG performance status ( ECOG ) di 2 o inferiore.

I pazienti sono stati assegnati in modo casuale a ricevere Elotuzumab più Lenalidomide e Desametasone oppure Lenalidomide e Desametasone, stratificando per ISS ( International Staging System ). stadio I-II vs III, età ( inferiore a 75 anni vs maggiore o uguale a 75 anni ) e performance status ECOG ( 0 vs 1-2 ).

I pazienti nel gruppo Elotuzumab più Lenalidomide e Desametasone hanno ricevuto Elotuzumab somministrato per via endovenosa a 10 mg/kg nei giorni 1, 8, 15 e 22 durante i cicli 1 e 2, nei giorni 1 e 15 durante i cicli 3-18, quindi a 20 mg/kg il giorno 1 per i cicli successivi.

In entrambi i gruppi di trattamento, i pazienti hanno ricevuto 25 mg di Lenalidomide per via orale nei giorni 1-21 di ciascun ciclo e 40 mg di Desametasone nei giorni 1, 8, 15 e 22 di ciascun ciclo.

L'endpoint primario era la sopravvivenza libera da progressione, secondo la definizione primaria dei criteri EBMT ( European Society for Blood and Marrow Transplantation ) in tutti i pazienti assegnati in modo casuale ( popolazione intent-to-treat [ ITT ] ).

Tra il 2011 e il 2014, 748 pazienti sono stati assegnati in modo casuale ( 374 in ciascun gruppo di trattamento ) e 742 pazienti hanno ricevuto un trattamento ( 333 su 371 nel gruppo Elotuzumab più Lenalidomide e Desametasone [ 90% ] vs 339 su 371 nel gruppo Lenalidomide e Desametasone [ 91% ] hanno interrotto il trattamento ).

L'età mediana dei pazienti era 73.0 anni, 294 pazienti ( 39% ) avevano 75 anni o più. La maggior parte dei pazienti erano bianchi ( 711, 95% ) e maschi ( 412, 55% ).

A un follow-up minimo di 65.3 mesi, la sopravvivenza mediana libera da progressione non è risultata significativamente diversa tra i gruppi: 31.4 mesi nel gruppo Elotuzumab più Lenalidomide e Desametasone rispetto a 29.5 mesi nel gruppo Lenalidomide e Desametasone ( hazrd ratio, HR=0.93; log-rank P stratificato=0.44 ).

Il follow-up mediano è stato di 70.6 mesi.

L'evento avverso correlato al trattamento di grado 3-4 più comune è stata la neutropenia ( 64 su 371 [ 17% ] vs 79 su 371 [ 21% ] ).
La tossicità del farmaco in studio è stata la causa di morte segnalata in 5 ( 1% ) rispetto a 4 ( 1% ) pazienti.

Elotuzumab più Lenalidomide e Desametasone non ha migliorato significativamente la sopravvivenza libera da progressione rispetto a Lenalidomide e Desametasone nei pazienti con mieloma multiplo di nuova diagnosi che non sono idonei al trapianto HSCT.
Sebbene questi dati contribuiscano al panorama del trattamento, sono necessarie ulteriori ricerche per migliorare i trattamenti in prima linea. ( Xagena2022 )

Dimopoulos MA et al, Lancet Haematology 2022; 9: 403-414

Emo2022 Onco2022 Farma2022


Indietro